Agrumi che passione! Il Kumquat da appartamento

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggi voglio parlarvi del Kumquat o Mandarino cinese, un piccolo bonsai da appartamento, particolarmente ornamentale e decorativo che può soddisfare l’esigenza di chi come me, adora gli agrumi ma purtroppo non possiede un pezzetto di terra sufficiente a far crescere un alberello. Vediamo di saperne di più.

Il Kumquat o Mandarino cinese è un piccolo albero da frutto originario della Cina e appartenente alla famiglia delle Rutacee, dalle belle foglie lucide tra le quali spiccano i frutti ovali (Fortunella margarita) o tondeggianti (Fortunella Japonica) di un bel colore arancione. Il momento migliore per acquistarlo è la primavera, perché il clima è ancora mite, tuttavia, se acquistate la pianta verso la fine di questo mese la troverete già carica di frutti che non solo ravviveranno i vostri ambienti ma potranno essere consumati da soli o utilizzati per decorare torte, gelati, arricchire macedonie e preparare marmellate. Questi frutti, a differenza di tutti gli altri agrumi possono essere consumati interi con la buccia in modo che il sapore acidulo della polpa si mescoli con quello dolce e aromatico della buccia. Come tutti gli agrumi, sono ricchi di buone proprietà: a parte il contenuto di vitamina C, sono ricchi di sali minerali come potassio, ferro, fosforo e magnesio, la buccia è ricca di oli essenziali e carotenoidi dall’azione antiossidante. La notevole quantità di fibre li rende ottimi per stimolare dolcemente l’intestino e il contenuto calorico ridotto, appena 60 Kcal/100 g. fa si che siano adatti anche a coloro che devono mantenere la linea. Ma ce di più! Ha notevoli proprietà digestive, che agevolano la digestione di pasti elaborati anche a base di carni grasse e non a caso, è impiegato anche per preparare liquori digestivi.

b2ap3_thumbnail_kumquat2.jpg

Ma come curare il Kumquat? Innanzi tutto, è bene posizionarlo in un ambiente luminoso, le innaffiature dovranno essere effettuate solo se toccando il terreno in profondità, risulta secco. Per ovviare alla scarsa umidità dell’ambiente domestico poi, è bene spruzzare il vostro bonsai con dell’acqua che contribuirà anche a togliere la polvere e rendere le foglie lucenti. Alla fine del periodo invernale, va effettuata la potatura dei rami secchi, rotti o mal disposti e nel caso fosse aggredito da parassiti come ragnetto rosso e cocciniglie, potete trattare il vostro alberello con una soluzione a base di sapone di marsiglia, tea tree oil o olio di neem. Fra le tante varietà disponibili, vi consiglio di acquistare la Fortunella margarita o Fortunella japonica, le più adatte a sopportare il clima domestico. Insomma, se anche voi come me, adorate gli agrumi e volete possedere un alberello che spezzi il grigiume invernale, deliziando la vista e il palato con i suoi piccoli frutti color del sole, non vi resta che prendere un Kumquat e seguire questi facili consigli!

b2ap3_thumbnail_marmellkumquat.jpg

Ah, vi lascio con un’idea in più: per decorare l’ambiente domestico, in vista del Natale, potete ornare con qualche festone il vostro bonsai, creando davvero un insolito effetto!

Alla prossima!

Stefania

Seguitemi anche su Facebook!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook