MODA GREEN Fibra di eucalipto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un po’ come per l’alimentazione e la cosmetica naturale, così anche per l’abbigliamento, dà una certa soddisfazione sapere di utilizzare prodotti ecologici e rispettosi della persona e dell’ambiente, almeno per chi ha scelto uno stile di vita sano e naturale. Ultimamente un po’ per lavoro, un po’ per piacere, mi sono imbattuta in una piacevole scoperta che ho potuto sperimentare anche di persona.

Sto parlando della fibra di eucalipto o di quello che nella moda green è stato ribattezzato come tencel lyocell eucaliptus.

Il tencel trova applicazione soprattutto nell’abbigliamento, nei tessuti per la casa e addirittura nelle prodotti cosmetici tessili, in particolare nelle maschere viso, come “conduttore di principi attivi” .

Cos’ha di così innovativo? In realtà è già qualche anno che è in uso, ma di recente i risultati a livello moda si sono evoluti e anche chi sceglie di vestire green può trovare capi “stilosi”e fashion.

Quello che colpisce subito del tencel è la setosità al tatto. Morbido, leggero, soffice.

Ha un ottima gestione dell’umidità, la assorbe e la rilascia, è traspirante, fresco d’estate e caldo d’inverno.

Grazie a tale capacità è un tessuto che si rivela antibatterico e non irritante, confortevole e adatto anche alle pelli più sensibili.

Questi sono i vantaggi per il consumatore.

Vediamo ora i vantaggi per l’ambiente, quindi la sua sostenibilità.

Innanzitutto la pianta di eucalipto cresce molto rapidamente ( 20 m in 6 anni circa).

La sua coltivazione non necessita dell’utilizzo di pesticidi, insetticidi o fertilizzanti e crescendo su terreni non adatti ad agricoltura, non toglie spazio a colture alimentari.

Per irrigarlo basta l’acqua piovana ( il cotone ha bisogno invece di 15 volte l’acqua dell’eucalipto).

Infine la resa di quest’ultimo è 10 volte il cotone. Per realizzare 10 t-shirt, per esempio, bastano circa 6 m di piantagione.

Il tencel può definirsi una fibra naturale/artificiale perchè proviene dal legno, ma viene industrialmente trasformata in fibra.

Il tutto però avviene attraverso un processo ecologico, a basso impatto ambientale e a ciclo chiuso, cioè l’acqua e il solvente impiegato vengono recuperati, riciclati e rientrano così nel ciclo produttivo.

Come avviene in breve tale processo?

Dal legno viene estratta la cellulosa e poi dispersa in una soluzione di acqua e solvente organico NMMO e in essa trattata più volte, fino alla filtratura, pressatura e filatura in filiera.

Da qui si ottiene il filo che è biodegradabile.

Il solvente non tossico, di natura organica, viene recuperato per circa il 99% e riutilizzato nel processo produttivo appunto. Le emissioni residuali vengono degradate in impianti ecologici di depurazione.

Se poi il processo produttivo continua con una tintura dei tessuti a base solo di erbe, certificata GOTS e una stampa realizzata con colori a base d’acqua, si ottiene un prodotto sicuro e a prova di fastidiose allergie.

Per chi si è un po’ incuriosito, date un occhio alla collezione RE-BELLO, mi sembra un ottimo compromesso tra benessere e fashion.

Fonte foto RE-BELLO

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook