BAMBINI spazzolino e dentifricio

Come prendersi cura dell’igiene dentale dei nostri bambini? Cominciando con lo spuntare del primo dentino, raccomandano gli specialisti.

Ma bisogna farlo ponendo attenzione ad alcuni particolari che fanno la differenza, se vogliamo parlare di salute vera e propria.

In primis direi che vale la regola di evitare il più possibile gli zuccheri.

Caramelle, merendine, bibite gassate… soprattutto nell’intervallo tra un pasto e l’altro.

Poi le tappe principali per avvicinare i bambini alla cura dei denti sono queste:

FINO AD UN ANNO:

niente spazzolino, né dentifricio. Basta strofinare delicatamente con garza umida.

DA UNO A TRE ANNI:

sì allo spazzolino, no al dentifricio. Il bambino può iniziare a giocare da solo con lo spazzolino, ma saranno sempre mamma e papà a lavare i denti.

Niente dentifricio però perché il bambino non è ancora in grado di controllare la deglutizione e ne ingerisce una quantità troppo alta.

DOPO I TRE/QUATTRO ANNI:

il bambino può iniziare a lavarsi i denti da solo, con spazzolino e dentifricio.

Quest’ultimo, secondo una direttiva europea, deve avere un contenuto di fluoro (sodium fluorite) non superiore a 500 ppm/ 0,11% (controllate in etichetta).

Questa quantità garantisce il corretto apporto di fluoro per proteggere i denti, ma è abbastanza basso per evitare la fluorosi (degenerazione dello smalto dei denti, demineralizzazione e macchie).

DAI SEI ANNI IN POI:

il bimbo si lava i denti da solo e senza limiti di fluoro. Infatti, può usare un dentifricio per adulti anche perché la quantità ingerita involontariamente scende al 30%, perché i riflessi di deglutizione sono già sviluppati.

Basta poco dentifricio, giusto il necessario per “sporcare” lo spazzolino.

Infatti, la pulizia è data dal movimento meccanico di esso. Lo spazzolino deve essere piccolo e con setole morbide e deve muoversi dalla gengiva al dente: è così che si porta via lo sporco.

Ora che conosciamo le tappe da rispettare è bene occuparci della scelta del dentifricio più adatto e dato che la bocca è uno dei luoghi che più assorbono di tutto il nostro corpo, sarà fondamentale leggere attentamente gli ingredienti di un dentifricio prima di acquistarlo.

Molte marche popolari contengono ingredienti piuttosto discutibili, vediamone qualcuno:

Triclosan: antisettico, disinfettante, antibatterico.

Ci sono parecchi dubbi e preoccupazioni sulla possibilità che esso rafforzi i batteri contro l’azione degli antibiotici e che si accumuli nell’organismo ( latte materno, urine). Quando ci sono troppi dubbi è sempre meglio evitare. Inoltre è altamente inquinante.

Sodio lauril solfato (SLS): tensioattivo responsabile della schiuma dei dentifrici, ma parecchio aggressivo, collegato a irritazione della pelle e afte dolorose.

Dolcificanti artificiali: rischiano intanto di creare un’attrattiva per i bambini, che tendono a mangiare il dentifricio, poi l’aspartame, per esempio, per la sua composizione, formerebbe metanolo che non viene smaltito e viene convertito in formaldeide con conseguenti danni enormi nei nostri tessuti

Glicole propilenico: utilizzato solitamente come antigelo, è irritante per la pelle e può causare tossicità se ingerito in quantità elevate.

Dietanolammina (Dea): in cosmetica utilizzato come emulsionante, è conosciuto come nocivo e tossico per l’organismo e per l’ambiente

Un buon dentifricio deve avere al massimo un conservante, meglio se di uso alimentare (sodium benzoate e potassium sorbate) e nessun colorante (sono indicati con CI e un numero).

Questi alcuni inci di buoni dentifrici per bambini:

Sorbitol, Aqua (Water), Aloe Barbadensis Laef Juice*, Silica, Xylitol, Xantham Gum, Glycerin, Sodium DeDehydroacetate, Potassium Sorbate, Malva Sylvestris (Mallow) Leaf Extract*, Sodium Lauroyl Glutamate, Aroma (Flavor)**. Baby anthyllis

Aqua, Sorbitol, Hydrated Silica, Glycerin, Erythritol, Cellulose Gum, Pyrus Cydonia Fruit Extract*, Chamomilla Recutita Flower Extract*, Malva Sylvestris Flower/Leaf Extract*, Vaccinium Myrtillus Fruit Extract*, Aroma, Glyceryl Caprate, Lauryl Glucoside, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate, Citric Acid. Biricco

Glycerin, Water (Aqua), Silica, Algin, Calendula Officinalis Flower Extract, Foeniculum Vulgare(Fennel) Oil, Mentha Viridis (Spearmint) Leaf Oil, Esculin, Limonene*. *from natural essential oils. Weleda

Per chi vuole approfondire: nutrizionenaturale.org

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

Decathlon

La bici usata? Portala da Decathlon: torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

tuvali
seguici su Facebook