Moda etica: jeans artigianali made in Italy, eco-sostenibili

jeans

Oggi il mercato del fashion crea veramente di tutto per accaparrarsi più consumatori possibili e lo fa molto spesso utilizzando, come unico criterio, quello del minor costo possibile. Prendiamo ad esempio il jeans, il capo forse più presente nei nostri armadi, perché unisce gusto estetico e praticità.

I jeans di oggi riescono a raggiungere un costo al pubblico a volte ridicolo, come?

Per lo più con lo sfruttamento della mano d’opera, con cotone OGM fatto crescere con l'aiuto di pesticidi, con lavaggi e tinture che vengono effettuati senza nessun tipo di controllo, con sostanze chimiche velenose che poi scaricano ad ogni lavaggio della nostra lavatrice, nelle nostre acque e soprattutto sulla nostra pelle.

Noi acquirenti però diventiamo sempre più sensibili all'argomento sostenibilità, e siamo proprio noi a poter indirizzare, con le nostre scelte e i nostri acquisti, il mercato verso una politica che unisca l'estetica all'etica.

Oggi vi parlo di una realtà italiana in cui mi sono imbattuta per lavoro, che si unisce al panorama sempre più in crescita della moda etica: Par.co denim

In tre parole: moda sostenibile, filiera corta, rispetto dell’ambiente.

Nel 2012 nasce la società Par.co Fashion Srl, un' azienda bergamasca nata con l’obiettivo di offrire jeans disegnati e sviluppati da loro e prodotti a sud della provincia di Bergamo, nello storico distretto tessile bergamasco, in modo da abbattere i costi di produzione e garantire un costo al pubblico decisamente accessibile.

Si utilizzano solo:

- Denim italiano con fibre naturali di cotone biologico certificato GOTS, sia per quanto riguarda la materia prima che i processi produttivi come filatura, orditura, tintura e tessitura.

- Tessuti Denim cimosati giapponesi di cotone biologico. 

- Altre fibre che necessitano di minore energia per la trasformazione come lino, canapa e cotoni riciclati.

- Solo tinture vegetali, eliminata qualsiasi tipo di sostanza chimica.

Per ottenere l'effetto slavato "used" vengono effettuati lavaggi e trattamenti con ghiaccio, resine vegetali e con Eco-aging: il metodo naturale e 100% biodegradabile che permette di sostituire, con un composto vegetale eco-sostenibile, le "sabbiature" pericolose per l'ambiente e per la salute.

Infatti la tecnica più utilizzata per ottenere l'effetto jeans invecchiato è quella della sabbiatura (sandblasting), eseguita attraverso getti di sabbia “sparati” con aria compressa su ogni singolo jeans. Questa tecnica produce una grande quantità di polvere e particelle sottili di biossido di silice: l’esposizione continua e duratura dei lavoratori a queste particelle, provoca in breve tempo la silicosi, malattia che in molti casi è letale.

La tecnica della sabbiatura è vietata in Europa dal 1966, ma viene utilizzata in altri Paesi, cosiddetti in via di sviluppo (Cina, India, Bangladesh, Pakistan, Nord Africa...), privi di tutele per i lavoratori.

I benefici del cotone biologico sono molti:

- I semi sono liberi da OMG e i coltivatori possono salvare i semi del proprio raccolto per la semina successiva.

- I terreni sono coltivati in maniera non intensiva e senza pesticidi.

- Si riducono il 94% di emissioni di gas e si riduce l'impiego di acqua.

Il jeans che ne deriva ha un design accattivante, declinato nei modelli più in voga del momento, è curato nel dettaglio, grazie all'abilità di artigiani bergamaschi impegnati nel settore del Denim da 50 anni e soprattutto è affidabile, perchè libero da sostanze tossiche e residui pericolosi, con tutti i benefici per chi lo indossa e per l' ambiente.

  

Leggi anche: Moda green, fibra di eucalipto

Foto da parcofashion.ue

Vota:
Vincere l'ansia in cucina: la colazione perfetta.
Sappiamo cosa fare in caso di terremoto?
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Domenica, 19 Novembre 2017