Salone del Mobile 2014: c’è attenzione per il “bio”?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In questa settimana, Milano brulica di visitatori richiamati dal 53° Salone del Mobile e dai numerosi eventi ad esso correlati che hanno sede in varie parti della città. Italiani e stranieri da ogni parte del mondo sono richiamati da questa grande fiera del design: dal mobile classico, all’arredo moderno, dal design autoprodotto, alle idee innovative. Un’ottima occasione per guardare cosa si produce, le tendenze dominanti e per capire se c’è sensibilità per le tematiche ecologiche. C’è attenzione per l’ambiente e per un vivere bio a tutela della salute delle persone?

Girando fra i vari stand a Milano Fiera, questa sensibilizzazione non è molto evidente. Si distinguono alcuni produttori che hanno fatto una scelta decisa verso il green, prestando attenzione alla provenienza del legno, utilizzando collanti, vernici e oli di finitura non tossici, eliminando la formaldeide dai mobili (con l’uso del solo legno massello), ma nella maggioranza degli espositori non si nota un particolare impegno verso questa tematica. Intervistandoli, emerge che fino ad ora da parte della clientela non c’è una domanda evidente di “sostenibilità” e conseguentemente il produttore non sente la necessità di seguire una tendenza ecologica che lo penalizzerebbe sotto l’aspetto dei costi.

Aria diversa fortunatamente, si respira nel Salone Satellite che ospita designer giovani e innovativi che espongono le loro creazioni. Qui si parla di risparmio energetico, di riciclo dei materiali, di attenzione all’uomo e all’ambiente e soprattutto, chiacchierando con i giovani espositori, si percepisce la consapevolezza che è anche responsabilità del designer contribuire affinché si diffonda e si sviluppi una cultura ecologica fra le persone.

In alcune aree del “Fuori Salone” la scelta sostenibile è ancora più evidente e si distinguono in particolare: il Green Village di Via Tortona in cui troviamo una forma di “ecovillaggio” a cui partecipano un gruppo di aziende focalizzate sulla sostenibilità ambientale e la Fabbrica del Vapore di Via Procaccini, in cui c’è Green Utopia, un innovativo modello di “hub”, promosso da Milano Makers, concentrato sul tema dell’ecologia, del basso impatto ambientale e dell’abitare “green”.

Purtroppo ci vorrà ancora tempo perché si diffonda in modo ampio questo approccio etico e maturi nelle persone il bisogno e la domanda di mobili e accessori ecologici, ma ottimisticamente ci sembra di percepire che ci si stia muovendo nella giusta direzione.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook