Esiste il marchio Ecolabel per l’arredamento in legno?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Unione Europea, ormai da anni, ha introdotto il marchio, ECOLABEL per prodotti e servizi destinati alla distribuzione, al consumo o all’uso sul mercato comunitario e finalizzato a certificare che tali prodotti e servizi hanno un ridotto impatto ambientale all’interno del loro intero ciclo di vita. È un’etichetta volontaria che può essere richiesta da ogni produttore, importatore, fornitore di servizi, grossista o dettagliante ed ha lo scopo di evidenziare in maniera rapida e affidabile al consumatore quali prodotti sono migliori da un punto di vista ambientale.

Acquistando al supermercato, troviamo detersivi e altri prodotti per la casa che riportano il simbolo ECOLABEL, una margherita stilizzata i cui petali sono rappresentati dalle 12 stelle della bandiera dell’Unione europea, ma abbiamo mai visto questo marchio su un tavolo o una sedia in legno?

Come tutti gli altri prodotti (ad esclusione del settore alimentare e farmaceutico) anche il settore dell’arredamento in legno può essere marchiato ECOLABEL e quindi sul mercato dovremmo trovare mobili e complementi d’arredo, per la casa, l’ufficio, i negozi, con questa ecoetichetta a garanzia che sono stati realizzati con particolare attenzione all’impatto ambientale e alla salute degli utilizzatori.

Se proviamo però a fare una ricerca di arredi in legno certificati ECOLABEL, è davvero difficile trovare qualcosa. Come mai? Pare che i produttori italiani trovino i requisiti troppo restrittivi sia per quanto concerne i limiti imposti su rivestimenti, colle e vernici sia per il vincolo alla realizzazione di mobili composti per almeno il 90% di legno.

Eccessivi i criteri europei o poco ecologici i nostri processi produttivi?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook