Canary Wharf : un giardino sul tetto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lo scorso primo maggio è stata aperta al pubblico una prima parte del complesso Crossrail, una delle 40 stazioni della rete di collegamento fra l’est e l’ovest della città di Londra. Progettato dallo studio di architettura Foster & partners, sarà costituito da un edificio a 7 piani che si svilupperà per circa 300 metri lungo il molo. La conclusione dell’intero complesso è prevista entro il 2018 e in esso troveranno collocazione oltre alla stazione, negozi, cinema, ristoranti, caffè e giardini. Al momento sono stati inaugurati 4 piani tra cui l’ultimo piano, dove trova collocazione uno splendido giardino, disegnato dallo studio londinese Gillespies specializzato in progettazione del verde.

b2ap3_thumbnail_Canary-Wharf-Crossrail-Londra2.jpg

Passando attraverso ponti di collegamento è possibile l’accesso a questo suggestivo mondo verde popolato da essenze vegetali originarie dai paesi visitati dalla Gran Bretagna durante le esplorazioni marittime. L’effetto è davvero suggestivo sia per il contrasto con l’architettura circostante di vetro e acciaio sia per la tranquillità che emana, in contrappunto al rumore della metropoli all’esterno. La copertura è costituita da una struttura a traliccio di legno aperta al centro per il passaggio di luce, aria e acqua meteorica.

b2ap3_thumbnail_Canary-Wharf-Crossrail-Londra3.jpg

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook