Pietra rotta, sei cose da fare!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quante volte capita che un oggetto delicato scivola via dalle mani, e va in mille pezzi? Questo rischio esiste anche con le pietre. Probabilmente non andranno in mille pezzi ma si scalfiranno soltanto, altre volte, grazie alla loro durezza, rimarranno intatte. Ma può capitare che la pietra si spacchi in due o più parti. Cosa fare quindi davanti ad una pietra rotta?

Qualcuno dice che, quando la pietra si rompe, significa che ha esaurito il suo compito insieme a noi. Non abbiamo più bisogno dei suoi influssi oppure è troppo piena dei nostri. Che vi sia un motivo o sia solo fatalità, rimane comunque il dubbio su cosa fare con una pietra rotta tra le mani. Vediamo tre metodi per impiegare le nostre pietre rotte senza buttarle nel cassonetto.

  • Sotterriamola. Possiamo renderla alla terra così che esaurisca con lei il suo compito. è un pò come farla tornare a casa, nel luogo dove si è creata. Se non ha più niente da dare a noi, non significa che non possa rivelarsi utile per qualcos’altro. Rilascerà le sue ultime energie al terreno.
  • Gettiamola in mare, nel fiume o nel lago. Esistono alcune pietre che nascono tra le rocce del mare, in contatto con questo elemento. Determinate pietre possiamo scegliere quindi di renderle all’acqua.
  • Posizioniamola in un giardino zen. Se siamo particolarmente attaccati al nostro cristallo e non vogliamo liberarcene, possiamo utilizzarlo come oggetto d’ornamento, magari in un giardino zen. Rimarrà con noi, ma in stato di riposo. Potremo decidere in un secondo momento di renderla al suo elemento madre.
  • Lasciamo che i suoi ultimi influssi siano donati alle piante di casa. Alcuni cristalli, specialmente i quarzi, se sotterrati nel terreno della nostra pianta di casa, l’aiuteranno a crescere più sana e forte.
  • Se abbiamo collezionato una buona quantità di pietre rotte, possiamo utilizzarle per un lavoro fai-da-te. Possono servire per rifinire una cornice, un bicchiere, un posacenere, un cofanetto o qualsiasi altra cosa la vostra mente e buon gusto possa suggerire.
  • Se possediamo un acquario, il suggerimento è quello di posizionarle sul fondale come ornamento. I pesci non ne risentiranno, l’acqua non si inquina e saranno certamente carine da vedere!
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook