Opale di fuoco: caratteristiche e proprietà

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’opale di fuoco è una pietra molto rara e desiderata da tutti gli amanti delle gemme preziose. Si riconosce dalle sfumature rosso/arancio, che, negli esemplari più pregiati, regalano degli stupendi effetti opalescenti. I giacimenti più grandi dell’opale di fuoco sono in Messico. Nelle antiche civiltà Maya e Azteche era utilizzata nelle cerimonie sacre, in quanto catalizzatrice delle energie interiori.

L’opale di fuoco è un silicato, ha una struttura non cristallina e presenta numerose inclusioni di acqua e di gas. A donarle il colore rosso è la presenza di ossido ferroso.

Il suo nome, se andiamo a rintracciare le origini nella lingua greca e sanscrita, significa proprio “pietra preziosa“. è perfetta per essere incastonata in anelli e ciondoli, ma, al di la della sua bellezza, nell’ambito della cristalloterapia, rivela di avere delle enormi potenzialità.

Collegata al primo e il secondo chakra, riesce a rimuovere i blocchi energetici. Non può essere definita una pietra dall’azione delicata. è opportuno quindi utilizzarla a periodi alterni. Il suo scopo è quello di far emergere le emozioni represse, liberandoci da eventuali situazioni stagnanti e dannose per la nostra crescita interiore.

Le vibrazioni della mente vengono amplificate, portando il suo possessore a osare anche nelle situazioni più difficili.

Chi dimostra di avere poca sicurezza nelle proprie potenzialità, potrà utilizzare l’opale di fuoco per trovare il coraggio necessario a portare a termine i propri progetti personali.

Le sfide della vita non verranno più viste come un “ostacolo” ai propri sogni, ma piuttosto come uno stimolo a proseguire e lottare.

L’opale di fuoco, nonostante il nome potrebbe portarci in errore, non è caratterizzata da una grande durezza e non ama le alte temperature. Presentando piuttosto delle inclusioni di acqua, troverà il proprio ambiente ideale nei luoghi umidi. è comunque sia sconsigliato, oltre che esporla per lunghi periodi al sole, immergerla nell’acqua.

Da un punto di vista fisico, oltre che stimolare l’adrenalina, aiuterà coloro che hanno disturbi all’apparato digerente e quello genitale. Non deve esser vista come rimedio per i disturbi fisici, ma piuttosto come un valido supporto per quelle carenze emotive che possono derivare dalle problematiche collegate a tali zone.

Secondo la mitologia degli Indiani d’America, l’opale di fuoco è la rappresentazione fisica della Dea dell’Arcobaleno (proprio per i suoi giochi di luce). Molti popoli gli hanno conferito il potere di “simbolo dell’amore”. Capace di accendere il fuoco della passione e di migliorare le prestazioni sessuali.

Non è facile trovare l’opale di fuoco in commercio come pietra grezza, per questo motivo è bene prestare molta attenzione a diffidare di chi vorrebbe venderci un “opale di fuoco” a una manciata di euro. Esistono delle riproduzioni davvero ben fatte, altri potrebbero venderci altre pietre rosse (come la corniola) al posto dell’opale di fuoco, giocando sulla presunta poca conoscenza in materia di chi si trova di fronte. Assicuriamoci quindi della loro provenienza e acquistiamola solo da persone di cui possiamo fidarci.

Fonte immagine: http://it.wikipedia.org

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook