Come visitare l’Umbria su un’auto elettrica alla scoperta degli itinerari più affascinati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

 

Visitare l’Umbria in modo responsabile ed eco-sostenibile è da oggi ancora più facile. Grazie ad “Umbria Green Card” sarà possibile scoprire i luoghi più belli del “cuore verde d’Italia” a bordo di un veicolo elettrico a zero emissioni.

Una mobilità alternativa, rispettosa dell’ambiente – promossa da Renault con il patrocinio delle istituzioni locali – che promuove in Umbria una forma di turismo ecosostenibile, offre ai visitatori la possibilità di conoscere e vivere questo territorio con una particolare attenzione all’ambiente.

Lontana dai flussi turistici di massa, l’Umbria si propone come regione ideale da percorrere a bordo di un’auto elettrica e scoprire a contatto con la natura. Paesaggi incontaminati, antichi borghi, colline, monti e valli, castelli e santuari: una fusione tra arte e natura che è il fascino dell’Umbria, nella pace e serenità che ispirano i suoi luoghi, adottando una una mobilità 100% elettrica ed ecologica.

Grazie ad una card dedicata, sarà possibile andare alla scoperta di questi territori – ricchi di attrattive storico-artistiche, paesaggistiche e religiose – a prezzi agevolati, con la possibilità di percorrere i più bei itinerari turistici della regione.

L’Umbria Green Card associa, infatti, l’opportunità di usufruire di sconti sui servizi offerti da strutture convenzionate (agriturismi, hotel, ristoranti, musei) con la possibilità di percorrere suggestivi itinerari noleggiando un veicolo elettrico.

Gelosa custode dei propri tesori, questa regione ha da sempre posto particolare attenzione alla tutela del proprio territorio attraverso iniziative che ne valorizzassero la propria vocazione ecoturistica. Con Trasimeno Slow Living, ad esempio, sono stati disegnati ed attrezzati 18 itinerari, da fare a piedi o in bicicletta, intorno al lago meno inquinato d’Italia.

Ispirata agli stessi principi di turismo responsabile, l’Umbria Green Card si propone di favorire esperienze turistiche a basso impatto ambientale, offrendo la possibilità ai visitatori di avvalersi di veicoli elettrici per loro spostamenti. Contestualmente all’acquisto della card, vengono fornite ai turisti delle mappe relative a percorsi di interesse storico, naturalistico, artistico, religioso ed enogastronomico, tutti itinerari compatibili in lunghezza con l’autonomia reale dei veicoli.

umbria green card

28 colonnine di ricarica sono già state installate nella città di Perugia e presto verranno installate in altri 13 comuni della Regione, rendendo sempre più facile per i turisti un utilizzo dei veicoli elettrici anche al di là degli itinerari proposti.

Acquistabile sul sito Internet www.umbriagreencard.it o presso una delle strutture ricettive convenzionate, l’Umbria Green Card è disponibile in tre tagli, e sarà presto disponibile una “card” per i residenti:

– validità di 24 ore al prezzo di 4,00 € (card famiglia al prezzo di 7,00 €);
– validità di 3 giorni al prezzo di 10,00 € (card famiglia al prezzo di 19,00 €);
– validità di 7 giorni al prezzo di 18,00 € (card famiglia al prezzo di 35,00 €).

Acquistata la carta sarà possibile prenotare la propria auto elettrica in base alle disponibilità visibili qui a queste tariffe scontate.

Ancora una volta, da questa splendida regione arriva un efficace esempio virtuoso per promuovere un turismo sostenibile, capace di rispettare il proprio patrimonio artistico e paesaggistico.

Arturo Carlino

LEGGI anche:

Vacanze in solitaria in Umbria per ritrovare sé stessi

Trasimeno Slow Living: riscoprire il piacere della lentezza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook