Libertà d’espressione: assolto il rapper tunisino Klay BBJ

La corte d’appello Tunisina ha annullato la condanna a sei mesi di carcere inflitta al rapper Klay BBJ accusato di “oltraggio a pubblico ufficiale e violazione della morale pubblica”, dopo aver cantato un brano durante il Festival internazionale di Hammamet.

Questa vicenda aveva infiammato l’opinione pubblica, suscitando una valanga di critiche, da parte degli attivisti per i diritti umani, contro la giustizia, la polizia e il governo islamista di Ennahda, accusati di reprimere la libertà artistica e d’espressione. “E ‘ bello vedere Klay BBJ libero , che nel frattempo ha trascorso diverse settimane in prigione” ha detto Eric Goldstein, vice direttore di Human Rights Watch. “La Tunisia deve abolire le leggi che limitano la libertà d’espressione.”

Anche dopo la rivoluzione tunisina del 2011, infatti, le autorità hanno continuato ad applicare tutte le leggi repressive del governo precedente per perseguire ogni forma di dissenso. Giornalisti, blogger, artisti e intellettuali, rischiano il carcere ogni volta che esprimono pacificamente le loro idee.

La libertà di espressione è un pilastro della democrazia, l’idea di arginarla con la sanzione penale è in contrasto con qualsiasi principio che tuteli le nostre libertà. Un artista deve essere sempre libero di offrire il proprio lavoro critico e provocatorio senza temere di essere arrestato.

Il libero pensiero non dovrebbe mai essere impedito e represso dalla giustizia penale!

ethicMe è anche su Facebook e su Twitter

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook