I ghiaccioli realizzati con l’acqua inquinata di Taiwan

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sembrerebbero essere la soluzione ideale al caldo di questi giorni, in realtà questi ghiaccioli sono molto pericolosi, un solo morso potrebbe essere letale.

Realizzati da tre studenti di design dalla National Taiwan University of the Arts per il progetto “Polls Waters Popsicles“, i ghiaccioli sono stati fatti usando acque inquinate raccolte a Taiwan. Lo scopo del progetto è di sensibilizzare, soprattutto i più giovani, ai problemi legati all’inquinamento delle acque in seguito alla rapida crescita economica e all’urbanizzazione.

Ci sono 100 diversi tipi di ghiacciolo, ognuno realizzato con acqua raccolta in un luogo diverso, impacchettati ed etichettati indicando il luogo di provenienza dell’acqua.

A prima vista sono anche gradevoli e sembrano imitare l’estetica delle recenti tendenze alimentari artigianali. Tuttavia, appena si mette a fuoco meglio è possibile riconoscere la spazzatura contenuta al loro interno: acque torbide, pezzi di plastica, tappi di bottiglia, sacchetti di plastica, involucri e ogni tipo di inquinante che invade le nostre acque.

Un modo semplice ma molto efficace per farci riflettere sulle conseguenze legate all’inquinamento delle acque.

Qualcuno vuole un ghiacciolo?

immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook