Echolilia: l’autismo di un bambino visto attraverso gli occhi del padre

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il fotografo Timothy Archibald ha iniziato a fotografare suo figlio Elijah, autistico, come modo per affrontare la diagnosi del bambino, per capire meglio la situazione, il suo ruolo di padre, per accettare le sue differenze. Così nasce Echolilia, un progetto in cui cerca di riversare le frustrazioni di un padre che non “capisce” il proprio figlio, diverso dagli altri bambini.

Le abitudini e i modi di Elia lo hanno fatto impazzire, fino a quando ha iniziato a scattare foto e tutto è cambiato: abbassando la guardia, superando le sue barriere mentali, è riuscito ad entrare nel mondo di suo figlio. Sono foto molto intime, che raccontano la natura introspettiva e la particolare prospettiva del bambino, mostrandoci il mondo visto dai suoi suoi occhi.

Man mano che il lavoro andava avanti, Elijah si mostrava sempre più interessato, suggerendo location, pose differenti, addirittura autoscatti.

Una macchina fotografica ed un po’ di tempo, questo era ciò di cui avevano bisogno per avvicinarsi, creando un linguaggio condiviso, grazie al quale possono comunicare senza utilizzare parole che altrimenti nessuno dei due avrebbe compreso.

Leggi anche: I meravigliosi quadri di Iris Halmshaw, una bambina di 5 anni che soffre di autismo

b2ap3_thumbnail_aut9.jpg

b2ap3_thumbnail_aut2.jpg

b2ap3_thumbnail_aut1.jpg

b2ap3_thumbnail_aut4.jpg

b2ap3_thumbnail_aut5.jpg

b2ap3_thumbnail_aut6.jpg

b2ap3_thumbnail_aut7.jpg

b2ap3_thumbnail_aut8.jpg

b2ap3_thumbnail_aut10.jpg

ethicMe è anche su Facebook e su Twitter

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook