4 consigli per viaggiare in modo responsabile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il turismo responsabile è in forte crescita e sono molte le organizzazioni, in tutto il mondo, che cercano di diffonderne i principi. Con un po’ di attenzione, seguendo semplici suggerimenti, potremo salvaguardare i luoghi che visitiamo per le generazioni future.

INFORMATI BENE PRIMA DI PARTIRE

Scopri la tua destinazione, la sua storia, la situazione politica attuale, le dinamiche interculturali e religiose, la sua geografia, la cucina, i trasporti, ecc..

Preparati mentalmente a nuove esperienze, in modo da poterle abbracciare nella massima trasparenza e curiosità possibile. Impara un paio di frasi nella lingua locale, scopri almeno in che modo le persone si salutano.

Preparati le vaccinazioni, le questioni di denaro e l’assicurazione in tempo utile in modo da passare davvero una vacanza piacevole e spensierata.

RISPETTA LA CULTURA LOCALE

Comportati, come ospite, nello stesso modo in cui vorresti si comportassero i visitatori nel tuo paese. Rispetta la diversità culturale, gli usi e i costumi del paese che ti ospita. Indossa abiti adeguati, soprattutto nei pressi di siti religiosi. Chiedi prima di scattare una foto, facendo particolare attenzione quando partecipi a cerimonie religiose.

Cerca eventi che non sono menzionati nelle guide e luoghi che non sono troppo affollati da turisti. Vai dove va la gente del posto, ovviamente con discrezione e senza violare le attività e gli spazi privati ​​delle persone.

RISPETTA L’AMBIENTE

Ogni regione ha un proprio ecosistema, conoscere gli effetti che il turismo di massa ha sulle spiagge, le montagne, le paludi o i deserti è il primo passo per contrastarli.

Cerca di osservare gli animali nel loro ambiente naturale ed evita spettacoli con animali selvatici. Non disturbare la fauna selvatica, mantieni una distanza adeguata in ogni momento.

Se fai snorkeling o immersioni, fa’ attenzione a non toccare nessun corallo. Non prendere conchiglie, pietre o piante da portare a casa.

Utilizza l’acqua con parsimonia, ad esempio facendo docce brevi e utilizzando gli asciugamani e la biancheria per diversi giorni.

Utilizza mezzi pubblici, prendi il treno o l’autobus per gli spostamenti più lunghi e la bicicletta o a piedi per quelli più brevi.

Riduci il tuo consumo di energia, ad esempio spegnendo le luci, la TV e l’aria condizionata quando non ne hai bisogno. Riduci, riutilizza, ricicla: questi principi elementari sono validi sempre, anche in vacanza.

PROMUOVI GLI EFFETTI POSITIVI DEL TURISMO

Quando compri dei souvenir presta particolare attenzione a come sono stati fatti e da dove vengono, se puoi compra da artigiani locali, evitando di contrattare sul prezzo.

Cerca di mangiare nei ristoranti locali, soprattutto quelli che preparano cibi regionali e di stagione. Anche per l’alloggio, se possibile, è preferibile sceglierlo a conduzione familiare.

Evita di dare soldi direttamente ai bambini mendicanti. Se vuoi sostenere la popolazione locale fa’ una donazione ad un ente di beneficenza appropriato.

Scegli la tua destinazione anche considerando l’impegno che quel territorio mette in campo nel difendere i diritti umani, la sostenibilità ambientale, il rispetto e la pace fra i popoli.

ethicMe è anche su Facebook e su Twitter

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook