E’ la volta del nero

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il nero, corrisponde all'assenza totale della luce, è l'assenza di colore per antonomasia. Dal punto di vista fisico, esprime coercizione, dal lato psicologico invece è associato a condizioni emotive negative. Caratterizza infatti gli stati di malessere più affini al lutto, cioè gli stati depressivi. E' collegato, con il rosso al I chakra, Muladhara. Nella Medicina Tradizionale Cinese, il nero è la massima espressione dello yin, il lato femminile - negativo, ricettivo, interno, freddo, oscuro. I cibi di colore nero sono utilizzati da secoli ma solo di recente, alcuni scienziati giapponesi hanno attribuito loro ottime proprietà antiossidanti utili a prevenire il cancro, problemi cardiaci e menopausa precoce. Inoltre, il cibo nero è considerato benefico per i reni.

Corrisponde all’assenza totale della luce, è l’assenza di colore per antonomasia. Dal punto di vista fisico, esprime coercizione, dal lato psicologico invece è associato a condizioni emotive negative. Caratterizza infatti gli stati di malessere più affini al lutto, cioè gli stati depressivi – è il colore associato all’annientamento, al nulla, alla morte…espressione estrema dell’oscurità. È il colore dell’abito di clausura (chi rinuncia alla vita mondana) e del chador (chi rinuncia alla vitalità, all’eros). È l’opposto di ciò che è positivo e si identifica col no incondizionato. Nelle tribù Masai del Kenya e in Tanzania, il nero è associato alle nuvole che portano la pioggia, diventando un simbolo di vita e prosperità. Nella moda occidentale, il nero è considerato elegante e carico di mistero. È collegato, con il rosso al I chakra, Muladhara. Nella Medicina Tradizionale Cinese, il nero è la massima espressione dello yin, il lato femminile – negativo, ricettivo, interno, freddo, oscuro.

Il nero, snellisce la figura. Può essere portato di sera ma evitato di giorno, poiché blocca la penetrazione cutanea delle radiazioni elettromagnetiche dei colori e gli scambi con l’esterno. È un colore che tende a devitalizzare la persona e nel caso di biancheria intima a raffreddare la sessualità e dunque, a lungo andare danneggia la sfera riproduttiva. Esalta il rosso (forza e potere), con il giallo esalta il potere intellettuale e con il rosa il potere sociale. Per i suoi effetti negativi, non viene utilizzato in cromoterapia.

b2ap3_thumbnail_blacktea.jpg

I cibi di colore nero sono utilizzati da secoli ma solo di recente, alcuni scienziati giapponesi hanno attribuito loro ottime proprietà antiossidanti utili a prevenire il cancro, problemi cardiaci e menopausa precoce. Inoltre, il cibo nero è considerato benefico per i reni. Ecco dunque che è essenziale integrare nella dieta, accanto ai cibi verdi, gialli, rossi, bianchi anche quelli neri per aumentare le difese dell’organismo magari suddividendo le famose cinque porzioni di frutta e di verdura consigliate giornalmente fra i vari gruppi.

b2ap3_thumbnail_blackbeans.jpg

Ma quali sono i cibi neri, a parte il cioccolato che di sicuro è il primo a venirci in mente? Eccoli: riso nero di venere, soia nera, semi di sesamo neri, semi di papavero, tè nero. Alcuni di questi, sono poco comuni o comunque non ne facciamo un grande utilizzo, ma possiamo sempre ripiegare sui “nostrani” fagioli neri, more, fichi neri e mirtilli. Essendo un colore “forte” non lo consiglio per apparecchiare la tavola.

b2ap3_thumbnail_blackberries.jpg

Se vi piace: il nero è un colore rigido. Ha in sé una tensione assoluta che si esprime nell’opposizione e nell’aggressività.

Se non vi piace: indica accettazione positiva, rifiuto del dolore insofferenza per ogni rinuncia, rifiuto del rifiuto.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook