I 7 migliori mercati al coperto in giro per l’Europa

boqueria

Nella nostra toccata e fuga a Barcellona di questa estate in occasione della crociera non poteva mancare una puntatina al mercato coperto della Boqueria, nel bel mezzo della Rambla.

Eravamo spinti da una fame insostenibile, mi ricordavo infatti, dal mio viaggio in Catalogna di qualche anno fa, che qui avevo mangiato un panino strepitoso col jamon iberico e frullati di frutta fresca di tutti i tipi. E allora abbiamo fatto sosta qui coi lillipuziani che sono rimasti affascinati dalla quantità stratosferica di colori e sapori.

Ma di mercati coperti in giro per l’Europa ce ne sono davvero tanti. Eccone alcuni.

Il Bazar a Instanbul

Credo di non aver mai visto una tale quantità di spezie tutte insieme. Tutte invitanti e tutte dai colori stupefacenti.

All’antichissimo Bazar di Instanbul, nel quartiere di Eminönü, ci sono centinaia di banchetti che vendono spezie di ogni dove, ma anche erbe, frutta secca e dolciumi. Ma trovate anche tappeti di tutti i tipi e simpatici venditori che con voi vorranno solo contrattare il giusto prezzo offrendovi un tè. Guai se non lo accettate!

Il Bazar è un’esperienza da vivere e Instanbul è una città davvero speciale, peccato che le vicende degli ultimi tempi non consentono dei viaggi sereni in determinati posti...

LEGGI anche: 20 SPLENDIDI POSTI DEL MONDO CHE NON PUOI VISITARE

Markthal a Rotterdam

Dall’architettura avveniristica, il Markthal, nella storica Binnenrotte, vicino alla Blaak Station, non è solo un mercato che vende l’impossibile in fatto di gastronomia e cibo fresco, ma anche un condominio (ospita infatti più di 200 appartamenti), ristoranti, un supermercato (sotto terra), una scuola di cucina e un parcheggio sotterraneo.

Saluhall a Stoccolma

Lo avevamo già capito a Copenaghen che anche gli apparentemente freddi popoli del Nord amano ricercare la buona cucina così come lo street food. E, se a Copenaghen ci siamo imbattuti nei chioschi del Papirøen, a Stoccolma è valsa la pena visitare l’Östermalms Saluhall nel quartiere centrale di Östermalm (fermata della metropolitana Östermalmstorg).

Qui si trascorrono ore tra prodotti locali e internazionali, tra carne (opinabile) di renna o di alce, stand di cioccolato, di pesce e crostacei, il panettiere e negozi storici di fieri produttori nordici.

LEGGI anche: DANIMARCA CON BAMBINI: 5 CONSIGLI SU COSA FARE

Borough Market a Londra

Nel distretto di Southwark, è uno dei mercati al coperto più famosi di Londra. Frutta e verdura a volontà, pane, cibo fresco, cibo proveniente da tutto il mondo e cibo già cotto e bontà varie.

La fermata della metro più vicina è quella di London Bridge, servita dalle linee Jubilee e Nothern.

Nagycsarnok a Budapest

O potete anche chiedere del “Great Market Hall”. Il Nagycsarnok è stato creato come mercato ortofrutticolo alla fine del 1800. Ha subito le devastazioni della seconda guerra mondiale e oggi ospita il più grande e antico mercato dell'Ungheria, con tanto di bellissimo soffitto di vetro e ferro battuto.

Si trova a Pest, davanti al ponte della Libertà, e ci potete arrivare attraversano lungo Váci utca, la via dello shopping di Budapest, che va tra la piazza antistante il mercato e piazza Vörösmarty.

Qui trovate tipici dolci e spezie ungheresi, ma, ahimè, non mancano cineserie e roba tipicamente turistica.

Mercado de San Miguel a Madrid

Sherry e tapas a volontà, qui non solo state in un mercato stupendo con prodotti enogastronomici di alta qualità (molti dei quali biologici), ma siete anche praticamente affianco alla splendida Plaza Mayor.

Che ci volete fare, io ho un debole per tutto ciò che è iberico, per cui quell’infinità di piatti da gustare direttamente lì nel sorriso costante dei madrileni ha un non so che di meraviglioso.

Boqueria a Barcellona

A due passi dalla Rambla (la fermata del metro è quella di Liceu, sulla linea verde L3), la Boqueria ricorda tanto il Mercado de San Miguel e viceversa (solo che quello a Madrid è forse un tantinello più sofisticato nella struttura).

In ogni caso, anche qui ho gustato coloratissimi frullati e i lillipuziani si sono tuffati in un odorosissimo fritto di pesce. Se volte rapido spuntino andate al centro del mercato, appena dietro alla sezione del pesce, dove un italiano con tanto di forno a legna vende pizza a tranci ;)

Alla prossima

Germana ;)

Seguite il mio blog anche su Facebook, iscrivetevi alla pagina DoveComeQuando!

 

Vota:
I sughi d'uva: la ricetta della nonna, senza gluti...
IL GATTO SENZA STIVALI
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Sabato, 18 Novembre 2017