28 novembre: in arrivo l’eclissi penombrale di luna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Siete ancora arrabbiati per non essere riusciti ad assistere all’eclissi di sole? Siete tra quelli che avrebbero voluto essere in Australia lo scorso 13 novembre? In arrivo una piccola consolazione. Domani infatti ci sarà un’eclissi penombrale di luna. Di che si tratta?

Non sarà la solita luna rossa, quel disco luminoso che abbiamo osservato in passato. In quel caso la Terra era perfettamente allineata con la luna e il sole, mettendosi in mezzo tra i due corpi celesti. Nel caso dell’eclissi totale di luna, quest’ultima viene oscurata dal cono d’ombra proiettato dalla Terra, che è sempre più ampio della luna, ed è accompagnato da un altro cono ancora più grande detto cono di penombra. Qui solo una parte dei raggi del Sole vengono intercettati dalla Terra.

E quando ciò accade si verifica l’eclissi lunare di penombra. La luna infatti non attraverserà l’ombra proiettata dalla Terra ma passerà nella sua zona di penombra.

Cosa vedremo, nubi permettendo? Non molto in realtà. Occorre innanzitutto considerare che se saremo fortunati, vedremo la parte settentrionale della luna leggermente ombreggiata, ma non del tutto assente. Inoltre, l’inizio e la fine di una eclissi di penombra non sono visibili ad occhio nudo.

eclissi luna penombra

La luna entrerà nella penombra alle 13.15 ora italiana di domani, 28 novembre, e si concluderà alle 17.51 circa. Il momento migliore per osservare la leggera ombra sulla luna sarà non appena il nostro satellite sorgerà, poco dopo le 15.30.

Ancora una volta i più fortunati saranno gli australiani (invidia, sì diciamolo pure), ma anche la parte occidentale del Canada e gli Stati Uniti avranno la migliore vista della luna offuscata. Ma per assistere all’intero fenomeno, dovremmo essere in Alaska, alle Hawaii o in Asia orientale, come illustra questo schema fornito dalla Nasa. In Europa, Africa orientale e parte dell’America l’eclissi sarà parzialmente visibile.

Siamo comunque più fortunati degli abitanti del Sudamerica e dell’Africa Occidentale che non assisteranno per nulla all’evento.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook