Cosa sono l’Indice Glicemico e il Carico Glicemico e la loro importanza nella gestione della glicemia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo i dati dell’Associazione Diabete Italia si stima che in Italia ci sono all’incirca 250 mila persone con il diabete di tipo 1, mentre

  • 3 milioni di persone abbiano il diabete di tipo 2 diagnosticato
  • 1 milione di persone abbiano il diabete di tipo 2 (non siano state diagnosticate)
  • 2,6 milioni di persone abbiano difficoltà a mantenere le glicemie nella norma, una condizione che nella maggior parte dei casi prelude allo sviluppo del diabete di tipo 2.

Da queste statistiche emerge che oltre il 9,2% della popolazione italiana ha i problemi a mantenere sotto controllo la glicemia. Nel 2030 si prevede, tristemente, che le persone diagnosticate con diabete saranno 5 milioni.

Se vuoi calcolare il tuo rischio per sviluppare il diabete, clicca qui.

A distanza di anni, per me e mio marito, afflitto di diabete di tipo 1, è stato fondamentale la scoperta del concetto dell’indice glicemico e carico glicemico, in modo da poter creare una cucina naturale, che supporta il mantenimento del livello della sua glicemia stabile, evitando scompensi che derivano da ipoglicemia e iperglicemia e ulteriore indebolimento del suo sistema immunitario.

Per mantenere la glicemia stabile e riportarla in equilibrio, è stato di fondamentale importanza alimentarsi con cibi naturali, biologici, pieni di fibre e micro e macronutrienti e soprattutto, conoscere (per evitare o limitarne l’uso) l’indice glicemico e carico glicemico degli alimenti.

Con una alimentazione attenta a mantenere il livello della glicemia stabile non solo abbiamo prevenuto i suoi sbalzi glicemici, ma abbiamo perso peso in eccesso (ma non il tono muscolare) in maniera graduale, naturale e senza privazioni, con una dieta variegata e anche, inventata tutta da capo.

Sul mio blog condivido sia la nostra storia che le mie ricette naturali, biologiche e con indice glicemico basso, senza zucchero bianco e senza farine raffinate. In pratica, condivido tutto ciò che abbiamo imparato finora.

Cosa è l’indice glicemico e il carico glicemico?

L’indice glicemico (abbreviato: IG) misura la capacità di un determinato alimento di alzare la glicemia dopo il pasto rispetto a uno standard di riferimento che è il glucosio puro. L’indice glicemico viene indicato con un numero da 0 a 100. Il glucosio puro ha un IG massimo pari a 100. Gli alimenti con un IG = oppure < di 35 hanno IG basso e possono essere consumati senza problemi. Sono alimenti che non danno problemi a chi è diabetico e sono indicati per chi vuole perdere peso. Gli alimenti con in IG compreso tra 35 e 50 sono considerati con IG moderato e possono essere mangiati liberamente da chi vuole mantenere il proprio peso stabile mentre sono da evitare nel caso di diabete, se si vuole tenere sotto controllo la propria glicemia e se si vuole perdere peso mentre gli alimenti che hanno un IG alto (che è = oppure > di 50) sono da evitare se si è diabetici e se si vuole perdere peso. Da tutti gli altri possono essere mangiati con moderazione e occasionalmente.

Per non creare confusione, vorrei specificarti che ci sono alimenti naturali con indice glicemico alto come la zucca, le castagne, il cocomero, i datteri, le banane che io non utilizzo, se non molto raramente, ma che, credo, nelle persone sane (se mangiate in moderazione) non alterino troppo gli zuccheri nel sangue.

Carico glicemico (abbreviato: CG) invece serve a comprendere in che quantità può essere assunto un cibo glucidico per prevenire l’iperglicemia (iperglicemia = aumento sproporzionato degli zuccheri nel sangue dopo l’assunzione di un alimento). Per determinare il CG è necessario conoscere la quantità dei carboidrati presenti in un dato alimento e il suo IG. La formula per stabilire il CG = Ig x g di carboidrati / 100. Perché possa essere considerato innocuo per l’innalzamento della glicemia è necessario mantenere il CG a < di 10. Carico glicemico si deve riferire ad una somma di tutti gli alimenti presenti nel piatto e non solo ad un singolo alimento ( per esempio, il CG della pizza sarà la media di somme di CG tra diversi ingredienti come: mozzarella cotta, pomodoro cotto, farina bianca, lievito, olio e.v.o, etc.)

Ecco alcuni esempi di alimenti (per scaricare le tabelle integrali, clicca qui)

 

Snapshot_Tabelle_IG_frutta.png

snapshot_verdura-cruda.png

Snapshot_cereali.png

Snapshot_legumi.png

Esistono altri modi per abbassare l’indice glicemico degli alimenti naturali con indice glicemico già alto, come per esempio, nella cottura e nella combinazione con gli altri alimenti. Basta sapere che, per iniziare ad organizzare la propria alimentazione seguendo questo principio, è sufficiente imparare quali alimenti sono da evitare e quali usare con moderazione, mentre gli altri possono essere liberamente combinati.

E per chi fosse interessato a trascorrere un weekend in campagna Toscana per un primo corso italiano di cucina naturale con indice glicemico basso, intensivo, ecco il link di approfondimento.

Workshop-di-Dolce-Senza-Zucchero.jpg

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook