Intestino irregolare? Provate con lo psillio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Soffrite costantemente di irregolarità intestinali? Alternate giorni di diarrea a periodi più o meno lunghi di stipsi? Dalla natura ecco un rimedio efficacissimo per combattere le cause (e gli effetti) dell’intestino irregolare: i semi di psillio.

Lo psillio, il cui nome scientifico è Plantago psyllium, è una pianta erbacea originaria del bacino del Mediterraneo e del Medio Oriente. Stavo cercando un rimedio naturale ed efficace per un’amica che soffre di intestino decisamente ballerino, con tutte le fastidiose conseguenze che chi ha provato questa patologia conosce benissimo. Volendo evitare lassativi e pastiglie, mi sono imbattuta in questa pianta, di cui si utilizzano i semi.

Sono riuscita facilmente a trovarli in erboristeria e, devo dire, anche ad un prezzo abbordabilissimo: poco più di 5 euro per circa un etto e mezzo. La proprietà di questi semi è contenuta principalmente nella mucillagine che li ricopre e che, al contatto con l’acqua, si rigonfia, aumentando la massa. Le mucillagini sono infatti polisaccaridi appartenenti alla categorie delle fibre idrosolubili e dotati di effetto emolliente e protettivo per le mucose e costipante-lassativo.

L’ingestione di questi semi ha dunque un duplice effetto benefico, a seconda dei casi: negli episodi di diarrea aiuta ad assorbire i liquidi in eccesso, mentre in quelli di stipsi facilita l’evacuazione, gonfiandosi e incrementando la massa fecale. Ma non solo: la mucillagine dello psillio ha infatti anche proprietà antinfiammatorie e aiuta quindi a ripulire e lenire le mucose dell’intestino e del colon, diventando un utile rimedio anche contro la colite.

Le sue proprietà prebiotiche, infine, aiutano a rinforzare le difese immunitarie, favorire la crescita di batteri “buoni” per l’intestino e a ridurre l’assorbimento del colesterolo cattivo.

Ecco come assumere i semi di psillio:

  • Portare a ebollizione un bicchiere d’acqua
  • Mettere in infusione, per circa 10 minuti, un cucchiaino di semi
  • Ingerire il tutto (mi raccomando, non filtrate, son proprio i semi a fare bene!) e fate seguire da altri due bei bicchieroni d’acqua.

Questa operazione va compiuta 1 o 2 volte al giorno, subito dopo i pasti, ma lontano dall’assunzione di eventuali medicinali, che altrimenti potrebbero non venire assorbiti.

La mia amica lo prende da quasi un mese e vi assicuro che, se prima aveva problemi quotidiani con il suo intestino, da quando assume lo psillio non le si è presentato più né un episodio di diarrea, né di stipsi. Allo stesso modo, non abbiamo riscontrato alcun effetto collaterale. La mia erborista ha detto di continuare la cura fino alla fine del sacchetto che ho comprato (circa 1,5 etti) e poi interromperla, quindi immagino circa 40 giorni di trattamento. Per sicurezza comunque chiedete anche voi al vostro rivenditore di fiducia.

Se poi presentate particolari patologie, consultate prima il vostro medico: non ho la presunzione di poterlo consigliare come rimedio universale né le conoscenze adatte per dirvi che non esistono in assoluto effetti collaterali, ma per la mia esperienza vi dico che in un soggetto in salute, giovane e senza altre particolari patologie, ha funzionato al 100%.

Provare per credere!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook