Comunicazione ambientale e humor: educare e divertire



Che sia per lavoro, studio o passione, viaggiare è diventata ormai una necessità. Ma quanto inquinano i nostri spostamenti? E quanto ci costano? Sappiamo tutti quanto sia importante il contenimento delle emissioni di CO2 nell'atmosfera, emissioni che stanno lentamente portando la Terra a grandi e pericolosi cambiamenti. E, come sempre, anche le nostre piccole e apparentemente banali azioni quotidiane hanno in realtà una grande influenza su tutto questo.



Ecco quindi che, oltre a consigliarvi di utilizzare, dove possibile, i mezzi pubblici, la bicicletta o i nostri carissimi piedi, voglio parlarvi di un fenomeno che sta sempre più prendendo piede anche nel nostro Paese: il car pooling, ovvero la condivisione dell'auto negli spostamenti sia brevi che lunghi, una delle pratiche più amate da chi lavora per una mobilità alternativa e sostenibile.

Che voi siate lavoratori o studenti pendolari o che semplicemente abbiate intenzione di andare ad un concerto o ad una mostra in una città diversa dalla vostra, il car pooling viene incontro alle vostre esigenze di risparmio ed ecosostenibilità, mettendo in contatto persone che hanno in comune sopratutto una cosa: la destinazione.

I modi per entrare in contatto sono diversi e, tralasciando per un attimo la condivisione del mezzo tra amici o colleghi, proviamo a vedere cosa succede sul web che, come spesso accade, anticipa i tempi e funge da mezzo di condivisione immediato e a costo zero. Esistono infatti diverse piattaforme nate proprio per offrire un servizio di questo tipo: si va dal più noto Postoinauto.it all'internazionale Roadsharing.com. Ma, come ormai avrete capito, mi piace segnalarvi i piccoli casi ben riusciti e quindi vi parlerò dell'esperimento sardo: Passaggiosardegna.it.

In una terra dove i collegamenti ferroviari sono decisamente obsoleti e quelli su strada organizzati in modo per lo meno poco razionale (per fare poche decine di km anche tra le cittadine più grandi si rischia di dover passare da paesini sperduti e allungare terribilmente il viaggio, per di più con mezzi non sempre all'altezza delle condizioni stradali e climatiche), questa comunità virtuale del car pooling conta già oltre 500 iscritti e rappresenta una valida alternativa ai modi tradizionali di spostarsi.

Il portale permette di registrarsi e proporsi per una qualsiasi tratta all'interno dell'isola, o cercare passaggio se ci si deve spostare e non lo si vuole (o non lo si può) fare da soli. Un moderno autostop insomma, con in più tutte le garanzie di una registrazione e dei feedback lasciati sul conducente dagli altri utenti. Inoltre, se si è donne, si può scegliere di viaggiare in auto totalmente "femminili", e comunque a tutti gli utenti è permesso di curiosare tra i profili degli iscritti per scegliere di spostarsi con chi ha le nostre stesse passioni, o la nostra età.

Il servizio è totalmente gratuito (ma, se volete, potete fare una donazione a chi lo gestisce) e permette non solo di risparmiare sulle spese di carburante e parcheggio (cosa che in questo periodo fa sempre comodo!), ma anche di contenere smog ed emissioni, contribuendo a rendere le strade e le città decisamente più vivibili. La condivisione è poi il valore aggiunto di quest'idea: si conoscono persone nuove, spesso diverse da quelle frequentate abitualmente, e ogni viaggio può rivelarsi una bella sorpresa o aiutarci a condividere interessi e passioni.

Per questo Passaggiosardegna.it, oltre a fornire possibilità d'incontro a chi viaggia in occasione di convegni o per lavoro, è spesso partner anche di eventi culturali come mostre o concerti. Un modo nuovo e divertente di rendere sostenibile la mobilità e la vita di tutti i giorni!

Per tutti i non sardi, rimando a questo articolo di greenMe.it per vedere i siti più consociuti di carpooling in Italia.

Vota:
Le 10 cose da condividere nel 2013
“Mai piu'”: cose del 2012 che non vorremmo nel 201...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Domenica, 24 Settembre 2017