Come organizzare un evento sostenibile: qualche suggerimento pratico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che cos’è un evento sostenibile e quali sono gli aspetti che bisogna considerare per renderlo tale?

Gli eventi sono uno strumento di comunicazione importante sia per le aziende sia per i soggetti pubblici e non-profit. Organizzarli in modo da ridurre il loro impatto ambientale e sociale può essere una modalità per comunicare la propria identità e i propri valori e per sensibilizzare i partecipanti.

Una pianificazione che tenga conto della sostenibilità in tutte le fasi dell’organizzazione, inoltre, può consentire un risparmio dei costi, nel breve e nel medio termine.

L’UNEP (United Nations Environment Programme) definisce un evento sostenibile quando è ideato, pianificato e realizzato in modo da minimizzare l’impatto negativo sull’ambiente e da lasciare un’eredità positiva alla comunità che lo ospita (Green Meeting Guide 2009).

In pratica, a quali aspetti bisogna porre attenzione per realizzare un evento sostenibile?

Uno dei principali è la scelta del luogo dell’evento, non solo in termini di accessibilità a piedi, con i trasporti pubblici o altri mezzi sostenibili ma anche rispetto all’efficienza energetica dell’edificio e alla gestione interna dei rifiuti, dell’acqua e di altre risorse. Le stesse considerazioni fanno fatte per la scelta dell’ospitalità dei relatori.

Il catering, ove previsto, è un altro aspetto che incide sull’impatto dell’evento: non solo è opportuno scegliere prodotti locali, di stagione e provenienti da agricoltura biologica, ma anche prevedere menù vegetariani che possono contribuire a ridurre l’impatto in termini di CO2 e acqua utilizzata per la produzione.E’ utile, inoltre, sviluppare delle partnership con associazioni per il recupero degli eventuali prodotti non consumati. E l’acqua? Rigorosamente di rubinetto!

La sostenibilità di un evento passa anche dalla gestione dei rifiuti: la prima regola chiave da seguire è quella di cercare di ridurli al minimo, evitando ad esempio gli imballaggi e articoli monouso.

Quando non si riesce ad evitarli, è opportuno prevedere un sistema di raccolta differenziata con gli appositi contenitori.

b2ap3_thumbnail_recycling.jpg

Photo: epSos.de

La comunicazione dell’evento deve essere fatta in modo da evitare l’utilizzo di carta: non stampare il materiale dell’evento, inviandolo o rendendolo disponibile online, prevedere la registrazione tramite web sono alcuni esempi per farlo. E se proprio è necessario stampare… facciamolo su carta riciclata!

La comunicazione dell’evento deve, inoltre, essere pensata in modo da trasmettere ai partecipanti il messaggio ambientale delle scelte realizzate e sensibilizzarli verso le tematiche di sostenibilità.

E’ possibile, infine, neutralizzare le emissioni di CO2 prodotte dall’evento, prevedendo la compensazione delle emissioni attraverso, ad esempio, la piantumazione di alberi sul territorio in cui si è svolto l’evento.

Da poco è arrivata in Italia la norma ISO 20121, recepita dall”UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione), che consente di certificare gli eventi “green” definendo i requisiti di un sistema di gestione della sostenibilità degli eventi.

Online sono disponibili diverse guide, che forniscono consigli, strumenti ed esempi di buone pratiche. Qui ne riportiamo alcune:

E-Book Organizzare eventi sostenibili (Punto 3 in collaborazione con Acquistiverdi.it – 2014)

Sustainable Event Management (Meegan Jones)

Sustainable Events Guide (ICLEI, UNEP, UNON, IAMLADP – 2012)

Linee guida per la realizzazione di eventi sostenibili (Impronta Etica – 2010)

Green Meeting Guide (ICLEI, UNEP, IAMLADP – 2009)

Photo: Klara.Kristina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook