Torta di farina di castagne, riso e mele: non il solito castagnaccio!

b2ap3_thumbnail_428991_402067853214351_1539414004_n.jpg

Il periodo delle castagne fresche è ormai passato, ma ora possiamo ancora godercele, comprando farina di castagne e castagne secche da trasformare in piatti dolci e salati.

Anticamente le castagne erano chiamate “pane d’albero”, una definizione, che la dice lunga sull’importanza che questo frutto ha avuto nell’alimentazione di tante persone, che, soprattutto in collina ed in montagna, sopravvivevano ai lunghi inverni cibandosi di prodotti come polenta e prodotti da forno confezionati con la farina di castagne.

La castagna è un’ottima fonte di calorie e di importanti elementi nutritivi tra cui zuccheri, vitamine (B1, B2, PP e K ,A, C ed E), e minerali (Calcio,Fosforo, Magnesio, Potassio).

immagine

La farina di castagne non contiene glutine, ha un sapore dolce e si ottiene dalla macinatura delle castagne secche. Ieri ho deciso di fare una torta utilizzandola, ma il classico castagnaccio non mi andava, quindi, ecco un’esperimento nuovo, testato su amici e parenti, che si è rivelato ottimo! E non contiene nè latticini, nè glutine, nè lievito, e non ha il retrogusto amarognolo che a volte ha il castagnaccio.

Torta di riso e castagne alle mele

immagine

Ingredienti:

  • 100 g farina di castagne
  • 100 g di farina di riso
  • 3 uova
  • 3 mele sbucciate e tagliate a cubetti.
  • 5 cucchiai di miele
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 1/2 bicchiere di olio di semi di girasole o mais
  • 1/2 bicchiere di latte di soia
  • 1/2 bicchiere di rum

Il procedimento è facile: preriscaldate il forno a 200°, mischiate bene tutti gli ingredienti e infornate per circa 1 h, controllando la cottura con uno stuzzicadenti. Quando esce pulito la torta è cotta.

immagine

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

tuvali
seguici su Facebook