Sciroppo di rose fatto in casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È il momento di raccogliere le rose in giardino e farne qualche vaso di sciroppo per poter gustare il loro profumo tutto l’anno.

Io ho la fortuna di lavorare per un ristorante e di avere a disposizione mezzi tecnologici per conservare al meglio colori, aromi e sapori, ma si può ottenere un ottimo risultato anche in casa.

Io ho utilizzato zucchero bianco in questo caso, per mantenere al meglio il colore delle rose e ottenere anche una parte estetica piacevole, ma se a voi non importa potete utilizzare zucchero di canna o miele.

Le rose sbocciate del tutto sono quelle che vi consiglio di scegliere, tagliarle tra l’altro aiuterà i boccioli che le circondano a fiorire.

immagine

Ingredienti:

  • 400 g di petali di rosa
  • 200g di zucchero
  • Uno sciroppo fatto con 100 g di zucchero e 100 di acqua fatti bollire e poi raffreddati
  • il succo di 4 limoni
  • un bicchiere di acqua

immagine

Unite tutti gli ingredienti ai petali appena colti, mescolate bene e mettete in un contenitore a chiusura ermetica.

immagine

Lasciate riposare tutta la notte e il giorno dopo cuocete il tutto lentamente a coperchio chiuso e fiamma bassa, meglio in una padella antiaderente. Non fate bollire il composto, lo pastorizzeremo poi a vaso chiuso, in modo che i profumi non si disperdano nell’aria. Deve solo restringersi e concentrarsi.

immagine

Dopo circa 1 ora di cottura, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.

Una volta freddo, filtrate (potete mangiare i petali che restano dalla spremitura, sono buonissimi) e chiudete ermeticamente in vasi di vetro sterilizzati. Ecco tutto il procedimento filmato:

Pastorizzate: avvolgete in un canovaccio i vasetti, metteteli in una pentola a bordi alti e riempite d’acqua. Fate bollire per 30 minuti e poi togliete dal fuoco, capovolgete i vasetti e lasciateli raffreddare lentamente avvolti in un panno.

Otterrete uno sciroppo concentrato, molto colorato e dal sapore e profumo intensi. Data la poca quantità di zucchero (nelle ricette tradizionali è il doppio in peso dei petali) non avrete uno sciroppo molto denso. Se volete ottenerlo più “sciropposo” aggiungete zucchero una volta filtrato (circo 200 g) e lasciare restringere a fuoco lento fino ad ottenere la consistenza che desiderate. Ma molto profumo volerà via.

Io adoro questo sciroppo sui gelati o con la torta di riso alle rose: qui la ricetta. Potete anche utilizzarlo per fare granite e bibite dissetanti.

immagine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze Naturali, è specializzata in Botanica ed Etnobotanica ed Alimurgia. È stata per anni docente universitaria e nelle scuole di ogni ordine e grado, ha visitato tutto il mondo possibile e negli ultimi 10 anni ha sviluppato un’attività privata di divulgazione per avvicinare il pubblico al mondo delle piante, tramite corsi ed attività pratiche di erboristeria casalinga e cucina naturale a base di piante spontanee e officinali. Ora ha la sua azienda agricola "Arte Botanica", dove produce liquori, dolci e preparati a base di piante officinali e fiori.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook