Una ricetta per conservare sott’olio i peperoncini piccanti freschi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nelle ultime settimane mi sono cimentata in diverse ricette, e questa in particolare la posto perchè sono in tanti ad aver problemi nel conservare i peperoncini freschi in olio. Leggendo il mio articolo sulle muffe negli alimenti e della loro pericolosità per la nostra salute, molti lettori si sono potuti render conto dell’importanza di conservare i cibi nella maniera migliore e, in alcuni casi, di dover gettare il frutto di tanto lavoro a causa dell’errata modalità di preparazione.

Io adoro il potere riscaldante del peperoncino in inverno, (che tra l’altro aiuta a combattere le malattie da raffreddamento), e ho già condiviso con voi alcune ricette, come questa salsa di peperoncini habanero freschi, che però vengono cucinati per poterli conservare a lungo.

Nel mio ultimo viaggio in Molise, a Riccia, appena entrata nella cucina della proprietaria dell’agriturismo Artemide, la Signora Anna, ho iniziato a starnutire: dopo un po’ ho individuato la causa del mio fastidio, un piatto di peperoncini piccanti a pezzetti che si asciugavano all’aria. È stata così gentile da condividere con me la sua ricetta e di darmi il permesso di condividerla con voi.

Per evitare la formazione di muffe prima di mettere i peperoncini in olio, fenomeno scatenato soprattutto dalla presenza di acqua all’interno del frutto fresco, i peperoncini vengono tagliati e cosparsi di sale, poggiati su carta assorbente. Questo procedimento li disidrata in pochi giorni e permette la loro conservazione e la produzione di olio piccante molto saporito. La ricetta prevede, inoltre, l’aggiunta di una mistura di zucchero e aceto che rendono la conserva ancora più gustosa e meglio conservabile. Io ho sostituito lo zucchero bianco con la raspadura e l’aceto di vino bianco con quello di mele che avevo in casa. Ci vuol pazienza, ma il risultato è ottimo! Più semplicemente, i peperoncini così disidratati potete metterli direttamente nell’olio senza temere muffe.

Peperoncini piccanti freschi in conserva

Ingredienti:

  • 1 kg peperoncini rossi freschi
  • 1/2 l di aceto di mele
  • 300 g di zucchero di canna grezzo
  • 100 g di sale marino integrale
  • Olio extravergine d’oliva

Preparazione

Lavate i peperoncini, e asciugateli bene girandoli sulla carta assorbente.

b2ap3_thumbnail_cweb.jpg

Tagliateli a pezzetti ricordandovi di non toccarvi le mucose e la pelle se non utilizzate i guanti. Stendeteli su diversi strati di carta assorbente e cospargeteli di sale grosso. Lasciateli all’aria per alcune ore e vedrete che la carta sarò completamente bagnata. Sostituitela ogni volta che potete per una giornata e lasciateli la notte. Il giorno dopo il sale grosso dovrebbe essere sciolto. Sostituite la carta di nuovo e cospargete i peperoncini di sale fino.

b2ap3_thumbnail_dweb.jpg

Io li ho lasciati all’aria in questo modo, rigirandoli ogni volta che cambiavo la carta assorbente, per almeno 4 giorni (li avevo dimenticati…), ma dovrebbe bastare meno tempo perchè li troviate disidratati come in foto.

b2ap3_thumbnail_IMG_1557.JPG

A questo punto preparate una mistura con lo zucchero, l’aceto, e il sale nelle dosi che trovate in ricetta. Portateli ad ebollizione e quando tutti gli ingredienti saranno amalgamati e le polveri sciolte, mettete i peperoncini in una terrina e ricopriteli del liquido bollente. Lasciateli a bagno per 24 ore, mescolando ogni tanto. Trascorso questo tempo, o semplicemente la nottata, scolate il liquido, mettete i peperoncini in un canovaccio di cotone pulito e strizzateli (senza spappolarli).

b2ap3_thumbnail_f1web.jpg

Quando sono ben asciutti, metterli in un vasetto di vetro sterilizzato e ricoprite di olio prima fino a metà e sbattete il vaso leggermente sul tavolo in modo da eliminare l’aria tra un peperoncino e l’altro e che si riempia bene d’olio. Coprite poi di olio fino all’orlo e aspettate una decina di minuti per essere sicuri che il livello dell’olio non cali. Devono essere completamente sommersi.

b2ap3_thumbnail_15web.jpg

Poi chiudete il coperchio del vasetto e lasciate riposare almeno un mesetto prima di consumare perché i sapori si amalgamino. Buon appetito!!

b2ap3_thumbnail_eweb.jpg

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook