Occhi di gatto: come vedono i nostri amici felini?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come sapete adoro i gatti, guardarli è un piacere.. ma loro, come ci vedono? E come vedono il mondo?

Una risposta a parte dei miei quesiti l’ho trovata nelle foto di un artista, Nickolay Lamm, che ha lavorato consultando una squadra di scienziati esperti di visione animale, Kerry L. Ketring della All Animal Eye Clinic, il Dr. D. J. Haeussler dell’Animal Eye Institute, e il team di oftalmologi del centro veterinario di Penn.

Le foto in alto mostrano il mondo visto da noi esseri umani, quella sotto la ricostruzione di ciò che vede un gatto nello stesso luogo.

I gatti hanno un campo visivo di 200 gradi rispetto ai nostri 180 gradi. La visione periferica per l’essere umano è di 20 gradi su ogni lato, la visione periferica per gatti è di 30 gradi per ogni lato. La parte di visione periferica è quella sfocata ai lati di ogni foto.

b2ap3_thumbnail_Diapositiva2.JPG

I gatti possono vedere da sei a otto volte meglio in penombra degli esseri umani anche grazie alla forma ellittica della loro pupilla e alla grandezza della cornea.

In passato si pensava che i gatti avessero una visone dicromatica (come i cani e gli esseri umani affetti da una particolare forma di daltonismo, la protanopia, che non permette di vedere il colore rosso e il verde), e che vedessero essenzialmente la gamma dei blu-viola e giallo-verde, mentre oggi nuove ricerche stanno dimostrando la loro possibilità di vedere una terza gamma di colori, quella dei verdi.

b2ap3_thumbnail_Diapositiva3.JPG

Benché venga generalmente considerata una disabilità, in alcune situazioni il daltonismo può rivelarsi vantaggioso; un cacciatore daltonico, ad esempio, può riuscire a distinguere meglio una preda mimetizzata su uno sfondo caotico. E proprio per questo è disegnato l’apparato visivo dei nostri amici cacciatori felini.

La retina del nostro occhio ha molti più coni di quella dei gatti , soprattutto nella zona della fovea: questo ci permette di vedere un sacco di colori vivaci e di avere risoluzione dettagliata. Cani e gatti hanno molti più bastoncelli, che aumentano la loro capacità di vedere in penombra e durante la notte; non hanno fovea , ma una “zona centralis”, che ha più bastoncelli di coni.

b2ap3_thumbnail_Diapositiva4.JPG

Questo permette loro di registrare movimenti molto veloci (ed è molto utile quando si tratta di piccoli animali che cambiano direzione molto velocemente durante un inseguimento). Queste differenze permettono ai felini anche di avere un’ottima visione notturna, a scapito di una visione a colori meno vivaci, e ad una risoluzione di meno dettagliata.

Noi abbiamo la capacità di vedere gli oggetti in movimento a velocità 10 volte più lente dei gatti (vale a dire che siamo in grado di vedere le cose che si muovono lentamente e che per un gatto invece sono statiche).

b2ap3_thumbnail_Diapositiva5.JPG

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook