b2ap3_thumbnail_bef8b368-0af5-455e-b251-318e936649c9.jpg

MUUFRI: il latte creato in laboratorio a partire da colture lieviti. Stesso sapore, mucche libere e ambiente sollevato. Lo berreste?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un notizia molto interessante, che mi sta facendo pensare: a partire dal 2017, nei supermercati americani, e poi mondiali, potrebbe essere possibile acquistare MUUFRI, un latte che ha lo stesso sapore di quello vaccino, ma che con le mucche non ha nulla a che fare. Due giovani bioingegneri della Silicon Valley hanno ricevuto un finanziamento di 2 milioni di dollari per la loro startup, e stanno cercando di produrre il primo bicchiere di latte artificiale, creato in laboratorio a partire da colture di lieviti geneticamente modificati. Sono entrambi vegani e hanno intenzione con la loro scoperta (oltre che possibilmente di arricchirsi), di trasformare la vita di miliardi di vacche che vivono in condizioni orrende e l’impatto ambientale degli stessi allevamenti sul nostro pianeta.

Il settore zootecnico industriale vede gli animali unicamente come macchine per la produzione, che deve essere massimizzata per avere il massimo guadagno, a discapito delle vacche, che sono esseri viventi e hanno diritto ad una vita dignitosa e felice.

b2ap3_thumbnail_vegan-animali.jpg

Anche chi non è vegano non dovrebbe aver nulla a che ridire su questo e basterebbe consumare tutti meno derivati animali per cambiare di molto le cose. Invece la richiesta aumenta. Inoltre le vacche vengono nutrite con mangimi e granaglie (spesso OGM) invece che con erba. Il latte prodotto da queste mucche stressate e maltrattate è spesso pieno di ormoni e antibiotici, e va a minare la salute anche di chi lo consuma, i bambini in primis.

b2ap3_thumbnail_1591.jpg

Inoltre, la produzione di latte è responsabile di circa il 3 per cento delle emissioni globali di gas serra ogni anno, secondo l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite, soprattutto perché le mucche emettono metano, e la quantità di acqua necessaria per la produzione di latte è impressionante: circa 1000 litri di acqua per ottenere un litro di latte.

Invece i lieviti creati e coltivati in vitro, saranno in grado di produrre proteine che, insieme agli altri ingredienti della formula, manterrebbero il gusto ed i benefici nutrizionali del latte di mucca, e si potranno trovare sugli scaffali vicino al latte vegetale.

b2ap3_thumbnail_10433889_404642923024995_706299178802962745_n.png

La composizione chimica del latte sarebbe abbastanza semplice per essere riprodotta: sei proteine chiave per struttura e funzione, otto acidi grassi fondamentali per il sapore e la ricchezza. In diversi rapporti, questi componenti ci danno latte di mucca, latte di capra, o anche il latte di bufala – tutte adatte ad essere trasformate in altri prodotti, dalle guarnizioni ai formaggi ai dolci.

Inoltre si potrebbe scegliere di escludere il lattosio dalla formula, o il colesterolo cattivo (LDL) ed avere un prodotto privo di batteri batteri. “Se vogliamo che il mondo basi la sua dieta su un nuovo prodotto sostenibile e cruel free, deve essere identico o migliore del prodotto originale ed il prezzo accessibile” dicono i due ricercatori di origine indiana.

Per tranquillizzare chi teme gli OGM, inoltre, assicurano di aver menomato le cellule dei lieviti, che non saranno in grado di resistere che poche ore in ambiente naturale. In questo modo si risolve uno dei maggiori problemi che gli organismi geneticamente modificati possono creare in natura, ovvero riprodursi a dismisura a scapito di quelli naturali, o ancora peggio ibridarsi con loro creando nuove specie e mettendo in pericolo la biodiversità.

Voi cosa ne pensate?

Qui consultare la pagina del progetto MUUFRI

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze Naturali, è specializzata in Botanica ed Etnobotanica ed Alimurgia. È stata per anni docente universitaria e nelle scuole di ogni ordine e grado, ha visitato tutto il mondo possibile e negli ultimi 10 anni ha sviluppato un’attività privata di divulgazione per avvicinare il pubblico al mondo delle piante, tramite corsi ed attività pratiche di erboristeria casalinga e cucina naturale a base di piante spontanee e officinali. Ora ha la sua azienda agricola "Arte Botanica", dove produce liquori, dolci e preparati a base di piante officinali e fiori.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook