Incenso: l’oro dei Magi in via d’estinzione?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Incenso è il nome generico che racchiude differenti tipi di resine o di misture di erbe: mirra, storace, canfora, benzioino, sandalo sono solo degli esempi. Franchincenso è invece il nome corretto della resina che un tempo era preziosa quanto l’oro, indispensabile per le cerimonie religiose fin dai tempi dell’Antico Egitto, e che ancora presso i pagani, veniva bruciata davanti alle immagini degli dei e davanti all’imperatore ad essi equiparato. Tradizione che si è poi trasmessa alla Chiesa Cattolica e ai suoi riti. Oro, incenso e mirra erano il dono più prezioso da fare ad un Re e questo anche a causa della loro rarità.

Ma che cos’è l’incenso “vero”?

immagine

L’incenso classico il cosiddetto Franchincenso (“franco” nel senso di “vero”, “originale”), non è altro che la resina profumata e fragrante che producono gli alberi del genere Boswelia, che crescono nelle zone desertiche di Africa, ed India. Niente a che vedere con i bastoncini “di incenso” che spesso non hanno nemmeno avvicinato la preziosa resina e sono purtroppo ottenuti da profumi chimici che possono addirittura nuocere alla nostra salute.

Mentre il vero incenso è addirittura curativo!

La Mirra è la resina di un’altra pianta, la Mirra commiphora, che proviene dalla Somalia, ed ha un profumo dolce e penetrante, quindi un altro tipo di incenso. Dunque i Magi portavano in regalo al nuovo nato Oro e Incensi.

immagine

Da queste zone desertiche dell’Africa carovane di commerciati hanno portato l’incenso in tutto il mondo da tempi lontani, rifornendo i celebranti di ogni tipo di cultura e religione del magico fumo purificatore che si spande una volta che la resina è stata posta sulle braci. Le specie sono diverse, Boswellia carteri, Boswellia sacra, Boswellia serrata, Boswellia papirifera…

Albero di Boswellia

immagine

A quanto pare in futuro l’incenso sarà di nuovo paragonabile all’oro come valore, a causa dei problemi che le piante stanno avendo nella riproduzione: il Journal of Applied Ecology, dopo uno studio di due anni da parte di un gruppo di ricercatori in Eritrea, rivela che gli alberi di Boswellia stanno diventando sempre più deboli e faticano a riprodursi, e non come ci si potrebbe aspettare a causa dei continui traumi che gli vengono causati dagli esseri umani per produrre resina da vendere. Gli alberi sottoposti a raccolta della resina si riproducono allo stesso modo di quelli lasciati indenni. A causare il declino della presenza di queste piante sembra essere l’aumento degli animali portati a pascolare nelle zone di produzione, che si nutrono delle foglie e delle gemme della pianta, e l’arrivo di nuovi insetti xilofagi (che si nutrono del legno interno al tronco) che uccidono la pianta dall’interno e la rendono un combustibile per i frequenti incendi che si sviluppano spesso naturalmente nelle aree desertiche. Si prevede un calo del 50% della produzione di incenso nei prossimi 15 anni, un vero collasso che porterà il prezzo dell’incenso alle stelle. Come quello dell’oro.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook