Il melograno? Spremilo come un limone!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il melograno (Punica granatum) è davvero un frutto bellissimo, oltre che buono e salutare, tanto che ha da sempre colpito l’immaginario umano di tutte le culture, divenendo un simbolo religioso e mitologico. Oggi me ne hanno regalato uno molto bello, nonostante non siamo più in stagione, ed eccomi qui a guardarlo, come ogni volta e a chiedermi cosa farne. Perché è tanto bello, quanto scomodo da aprire (schizza succo rosso ovunque) e poi ci vuole un sacco di tempo e pazienza per sgranare i chicchi uno ad uno…Uffa.

Cerca cerca, ecco i segreti per non lasciare seccare nel vassoio della frutta il melograno per pigrizia. Il prossimo autunno ne consumerò molti di più…

C’è un modo per aprirlo in 4 senza perdere il succo e poi staccare comodamente i semi carnosi: tagliare la parte opposta al picciolo, incidere a croce la buccia e staccare una “fetta” alla volta come nell’immagine, premendo con i pollici al centro.

Volete ottenere solo i chicchi? Sgranate le quattro porzioni in una ciotola piena d’acqua senza preoccuparvi di rimuovere le membrane bianche. Una volta in acqua le membrane galleggiano e i semi restano sul fondo, ed è semplice separarli.

Come tagliare un melograno

immagine

La cosa migliore che ho scoperto, però, è la spremitura. Senza fare tanta fatica tagliate il melograno a metà parallelamente al picciolo e spremetelo come un arancia o un limone nello spremiagrumi. Il succo scende, i semi restano. E finalmente mi sono potuta godere tutte le fantastiche proprietà di questo frutto, il cui succo tra l’altro costa cifre esorbitanti comprandolo in negozio. In alcuni paesi è comune vedere al mercato bancarelle che spremono sul momento il succo del melograno ai passanti.

Photo credits massdistraction

immagine

Il succo di melograno è un’eccellente sorgente di vitamina C e del gruppo B, di potassio e di notevoli quantità di polifenoli antiossidanti. La caratteristica principale della melagrana è l’elevato contenuto di flavonoidi che lo rendono uno dei frutti più ricchi di antiossidanti che si trovano in natura. I flavonoidi, infatti, sono sostanze altamente antiossidanti che contrastano i radicali liberi (responsabili non solo dell’invecchiamento ma anche di diverse malattie tra le quali i tumori), ritardano l’invecchiamento cellulare e svolgono una funzione protettiva sul cuore e sulle arterie.

Vendita di succo di melograno fresco in un mercato di Istambul foto by Jessica May

immagine

Sitografia

http://nashirart.weebly.com/1/post/2013/01/il-melograno-un-antico-alleato-per-la-salute.html

http://veganchronicle.blogspot.it/2011/12/rice-pudding-with-pomegranate-syrup.html

http://en.wikipedia.org/wiki/Pomegranate

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook