Frittelle di fiori di Acacia: mangiare la Primavera!

Ogni anno decido di fare le frittelle di fiori di acacia, e cerco di perfezionare la ricetta per sentire al meglio il gusto/profumo di questi fiori stupendi: li produce un albero, la Robinia pseudoacacia, che cresce spontanea un po’ ovunque, infestando i boschi e gli incolti. Le infiorescenze sono abbondanti di magnifici fiorellini bianchi screziati di giallo. Le api adorano questi fiori e con il loro nettare producono il miele d’acacia, limpido e delicato.

Alla fine, dopo tanti tentativi, a vincere è la ricetta più semplice: senza l’aggiunta di uova o dolcificanti nella pastella, ma fatta di semplice farina integrale, che con il suo sapore leggermente salato, esalta il delicato profumo e la naturale dolcezza dei fiori. Ho provato anche con la farina di riso, ed il risultato è leggermente meno profumato, anche se sempre soddisfacente, a giudicare dalla velocità alla quale sono sparite. Ecco le due ricette:

Frittelle di fiori di acacia 1

Ingredienti

  • Infiorescenze di acacia (i grappoli di fiori)
  • Farina integrale biologica (io l’ho presa direttamente al mulino)
  • Acqua frizzante molto fredda
  • Olio si semi (io uso quello di girasole, l’olio EVO ha un sapore troppo forte, cambia il gusto)

Mischiare acqua e farina in modo da ottenere una pastella liscia e non troppo densa, che si attacchi bene ai fiori. Il rametto che tiene insieme i fiori servirà sia ad immergerli nella pastella, ed è l’unica cosa non commestibile, una volta fritte i fiori e la frittura si staccheranno molto bene, come mangiando uno spiedino. Friggete in olio bollente senza farle dorare troppo e scolate su carta assorbente. Io le ho cosparse con qualche goccia di miele d’acacia ancora calde e le abbiamo mangiate tiepide.

frittelle1

Frittelle di fiori di acacia 2

Ingredienti

  • 200 g di farina di riso
  • 2 cucchiai di zucchero di canna o di miele di acacia
  • 100 g di fiori di acacia staccati dalla loro infiorescenza
  • acqua gasata molto fredda

flower

Fare una pastella collosa con la farina di riso e l’acqua e mettetela in frigo mentre “sgranate” i fiori di acacia. L’impasto sarà più corposo del precedente, e l’ho immerso nell’olio bollente aiutandomi con due cucchiai, in modo da ottenere delle frittelline non troppo grandi. Scolatele su carta assorbente e servitele tiepide o fredde.

Buon appetito!

fiori2

Sparkasse Green

La banca punta alla sostenibilità ambientale

Sorgente Natura

Pasta: come scegliere la migliore (non solo di grano duro)

Coop

Coop pianta più di 6.000 alberi per la campagna M’Illumino di meno 2020

Coop

Non solo dal contadino, si può scegliere etico anche al supermercato

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook