b2ap3_thumbnail_13ok.jpg

Crema all’acqua, limone e miele: senza latte, uova, nè glutine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alla ricerca di una crema fresca e leggera per una crostata di frutta, mi sono imbattuta nella ricetta della crema all’acqua del blog di Enrica, e ho deciso di provare la versione al limone, sostituendo lo zucchero con il miele: è buonissima! E soprattutto possono consumarla anche le persone con intolleranze multiple.

La consistenza e il sapore della crema tiepida sono perfetti, i profumo del miele e del limone riempiono le narici e la velocità con cui si prepara è un altro punto a suo favore. Una volta raffreddata la crema si trasforma in una specie di gelatina solida, quindi al momento di utilizzarla vi consiglio di riscaldarla leggermente in una pentola antiaderente e inserirla sulle torte quando è morbida, altrimenti è impossibile, soprattutto se la conservate in frigorifero.

b2ap3_thumbnail_limonok.jpg

Ecco le dosi per un bicchiere di crema:

  • Il succo di mezzo limone (il mio era grande) filtrato
  • La buccia grattugiata di mezzo limone
  • 90 g di miele di acacia
  • 125 ml di acqua
  • 25 g di amido di mais

b2ap3_thumbnail_14ok.jpg

Mescolare il miele la buccia di limone e l’amido e pian piano aggiungere l’acqua stemperando bene in modo da non formare dei grumi. Mettere sul fuoco vivace mescolando continuamente fino a quando la crema diventa trasparente. A questo punto spegnete il fuoco e aggiungete il succo di limone, mescolando bene.

La vostra crema all’acqua è pronta!

Io l’ho utilizzata per farcire delle piccole crostate di farina di riso, cotte in precedenza, poi ricoperte con la prima uva della stagione.

Buon appetito!

b2ap3_thumbnail_9-2ok.jpg

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze Naturali, è specializzata in Botanica ed Etnobotanica ed Alimurgia. È stata per anni docente universitaria e nelle scuole di ogni ordine e grado, ha visitato tutto il mondo possibile e negli ultimi 10 anni ha sviluppato un’attività privata di divulgazione per avvicinare il pubblico al mondo delle piante, tramite corsi ed attività pratiche di erboristeria casalinga e cucina naturale a base di piante spontanee e officinali. Ora ha la sua azienda agricola "Arte Botanica", dove produce liquori, dolci e preparati a base di piante officinali e fiori.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook