Confettura di zucca al cacao e cardamomo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questa confettura l’ho scodellata in un’ora o poco più. È buonissima, e mi ha consigliato l’abbinamento zucca e cardamomo la mia amica Sara, che cucina divinamente e la serve sia con i dolci, che con i formaggi. Le zucche iniziano ad essere un po’ fuori stagione per i miei gusti, ma ho scelto una di quelle a forma di pera gigante perché era ancora bella pesante e quindi soda all’interno. L’ultima zucca!

Io ho un po’ modificato le dosi e aggiunto il cioccolato… è talmente buona che ho deciso di non pastorizzarla, con queste dosi vengono due vasetti e, secondo me, in una bella crostata farà un figurone. Gnam!

Ingredienti

  • 800 g di zucca pulita (sbucciata e tagliata a pezzetti)
  • 300 g di zucchero di canna grezzo
  • i semi di 3 o 4 capsule di cardamomo
  • 1 cucchiaio di cacao amaro
  • 2 bicchieri di acqua

Mettete la zucca, tagliata più sottile che riuscite, in una pentola antiaderente e aggiungete tutti gli ingredienti. Portate a bollore a fuoco medio e con il coperchio, in modo da sciogliere lo zucchero, e appena inizia a bollire togliete il coperchio e alzate il fuoco. Usate il fornello di grandezza media. Mescolate ogni tanto e, quando la zucca è tenera e si schiaccia con il cucchiaio, spegnete il fuoco e frullate tutto con il minipimer.

immagine

Ora la fase 2. La confettura sarà ancora acquosa, e dato che abbiamo utilizzato poco zucchero, per caramellarlo e raggiungere una consistenza marmellatosa, accendete il fuoco più grande che avete sul fornello e, mescolando continuamente fate asciugare la vostra screma di zucca al cioccolato. È l’unico momento in cui non sono concesse distrazioni, pena, la carbonella caramellata.

Ma con questo procedimento i tempi di cottura si accorciano molto, e il risultato è fantastico. Se volete conservare la confettura procedete, dopo averla messa bollente nei vasetti, a pastorizzarla.

Buon appetito!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook