Biodiversità: salvare il deserto sacro di Wirikuta, patrimonio naturale e culturale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In questi giorni è ritornata alla mia attenzione la vicenda del deserto di Wirikuta, un luogo, sacro agli indiani Huichol Wixarrica situato nelle montagne del Messico centrale, grazie all’incontro nella mia città con Don Juan Josè Ramirez Garcia il figlio, e Doña Maria, sciamani della comunità huichol, che si stanno facendo portavoce di una importante battaglia: salvare il deserto sacro dalla distruzione da parte delle multinazionali minerarie.

Le popolazioni indigene di questo territorio hanno continuato a praticare le loro tradizioni culturali e religiose per migliaia di anni. Wirikuta per loro è il luogo di nascita del Sole e il territorio in cui le diverse comunità Wixárika fanno il loro pellegrinaggio, ricreando il percorso intrapreso dai loro antenati spirituali per sostenere l’essenza della vita su questo pianeta. Oltre all’importanza spirituale per i Nativi, questo luogo ha una grande importanza naturalistica: dal 1988 fa parte della Rete Mondiale dei Luoghi Sacri Naturali dell’Unesco ed è stata dichiarata Riserva Ecologica Naturale e Culturale dal Governo Messicano. Wirikuta è un ecosistema unico nel mondo e fa parte del più grande deserto di Chihuahua, dove si trova la maggiore biodiversità e la concentrazione di cactus per metro quadrato del pianeta. È molto più che un deserto: si tratta di un concentrato di biodiversità ed endemismi. La maggior parte dei cactus di Wirikuta sono elencati nella lista Ufficiale delle piante in pericolo di estinzione. Una gran parte della sua flora e fauna è endemico, il che significa che si trova solo lì. Wirikuta è anche un habitat dell’aquila reale, una delle 157 specie di uccelli che nidificano in questa zona del Messico, e in grave pericolo di estinzione.

desert

Come è già successo, e sta succedendo ora in Messico e in molti altri luoghi del pianeta, le estrazioni minerarie porterebbero ad un degrado totale dell’ambiente: le grandi quantità di acqua utilizzate dall’industria mineraria portano al prosciugamento dei bacini idrograficie le sorgenti sono soggette a contaminazione da cianuro, xantati e metalli pesanti.

Vi lascio i link delle petizioni che potete firmare per aiutare le Popolazioni Native di Wirikuta a salvare la loro terra e la loro cultura, e dei siti in cui trovate descrizioni dettagliate dello stato dei fatti. Madre Terra di sicuro ringrazia.

Firma le petizioni:

http://www.activism.com/it_IT/petizione/petizione-salviamo-wirikuta/7647

http://www.culturalsurvival.org/take-action/mexico-save-sacred-sites/take-action-mexico

http://frenteendefensadewirikuta.org/wirikuta-en-bk/?p=848

https://www.facebook.com/SalviamoWirikuta?fref=ts

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook