Le more, i dolci frutti del rovo. Tante proprietà benefiche e una ricetta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fine agosto, soprattutto sui monti, è di solito il tempo di raccogliere frutti bosco come more, mirtilli, lamponi…quest’anno invece ho raccolto anche i funghi, continua a piovere e sembra autunno. In ogni caso le more sono abbondantissime e saporite, quindi, sfidando i rovi e le loro spine, ne ho fatto una buona scorta, oltre che una bella scorpacciata. Vanno raccolte quando sono nere e morbide, perché il loro sapore sia dolce e pieno.

b2ap3_thumbnail_11_20140901-095113_1.jpg

Questi frutti sono ricchi di acido gallico, rutina e acido ellagico, sostanze che hanno proprietà anti-virali e anti-batteriche. Con il loro colore blu scuro, le more hanno uno dei più alti livelli di antiossidanti (più dei mirtilli) testati nella frutta, gli antociani, oltre ad essere ricche di vitamina C e fibre,importantissimi per mantenere la salute e combattere i danni dei radicali liberi nel corpo. (fonte Oregon Raspberry & Blackberry Commission)

Le more sono i frutti del rovo ((Rubus fruticosus L.), una pianta invasiva e piena di spine della famiglia delle Rosaceace, che inizia a fiorire verso Maggio, per poi essere impollinata da sia dagli insetti, che da vento. Non è una buona idea piantarne un getto in giardino, in poco tempo, se non contenuta, si prenderebbe tutto lo spazio ed è davvero difficile eliminare questa robustissima pianta una volta che si é installata. Meglio raccoglierle selvatiche, in luoghi poco inquinati.

b2ap3_thumbnail_7.jpg

Per conservarle, io no surgelo una parte, in modo da averle disponibili al naturale anche in inverno.

L’altra parte la trasformo in una composta rapida e gustosa, che di solito ha durata talmente breve, che conservo i vasetti semplicemente in frigo e li consumo entro pochi giorni come dolce a fine pasto o a colazione su yogurt, ricotta, pane..

Ecco il procedimento: more in padella

Pesare le more e calcolare il 30% del peso di zucchero di canna. Prendere una grande padella antiaderente e cuocete a fuoco medio le more, prima a coperchio chiuso, poi, una volta che il sugo dei frutti è fuoriuscito, senza coperchio ed alzando la fiamma, con lo zucchero, estratto di vaniglia e magari un po’ di rum scuro. Io uso l’estratto di vaniglia che faccio in casa, aggiungendo i baccelli al rum e lasciandoli in infusione minimo un mese.

b2ap3_thumbnail_5_20140901-095041_1.jpg

Faccio “soffriggere” a fuoco vivo fino a quando lo sciroppo non si è ristretto e invaso la composta ancora bollente. Se non la consumate subito, consiglio di pastorizzare i vasetti, prima di metterli in dispensa. Lo sciroppo sarà scuro, mentre le more avranno perso colore e risulteranno rossicce.

b2ap3_thumbnail_9_20140901-095050_1.jpg

Buon appetito!

b2ap3_thumbnail_10_20140901-095104_1.jpg

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook