Cibo e rimedio: i semi di Cannabis in cucina

immagine

Foto credits Federacion de asociaciones cannabicas

Anche se può suonare strano, la storia della Cannabis è strettamente legata a quella dell’umanità, ed è stata una delle prime piante ad essere addomesticata e coltivata. Solo nell'ultimo secolo, dopo il proibizionismo e la cancellazione volontaria dai libri e dalla cultura popolare in Europa ed Americhe, di ogni sua virtù ed utilizzo, la Cannabis viene associata unicamente al suo potere allucinogeno e all'abuso di stupefacenti.

Questo ha “stranamente” coinciso con l’avvento nell'industria e nella nostra vita del nylon, della plastica e d tutti i derivati dal petrolio, che a prezzi molto più bassi dovevano sostituire la canapa e tutti i materiali da lei derivati nella vita delle persone.

Oltre ad essere utilizzata come materiale per la tessitura, per l’edilizia, per ottenere carta e come medicinale, la Cannabis è anche un’importante fonte di cibo. La cosiddetta Marijuana e la canapa sono varietà della stessa pianta, la Cannabis sativa. A distinguerle e a permetterne in Italia la coltivazione per motivi tessili o industriali di queste piante è unicamente la concentrazione dei principi attivi i cannabinoidi (Tenore di THC inferiore allo 0,2%) mentre nelle piante che vengono utilizzate come droga arrivano al 10 -20%.

Molti ignorano quali incredibili proprietà abbiano i semi di questa pianta nel mantenimento della salute umana se utilizzati come cibo (non mi addentro nelle proprietà terapeutiche della pianta intera). E in tutta legalità, perché i semi di canapa non contengono mai THC , ma sono ricchi di vitamina D (necessaria per l’assorbimento del calcio), acidi grassi essenziali per il nostro organismo (Omega 3, Omega 6), importanti nella prevenzione di patologie cardiache e della pelle oltre a contenere edestine (dal greco "edibile") delle proteine molto simili a quelle contenute nel plasma del nostro sangue e altamente benefiche.

Dai frutti (e dai semi che contengono) viene estratto un olio, è ottenuta una farina e si possono consumare i semi decorticati come mandorle, nocciole e altra frutta secca.

Foto credits Fluffymuppet

immagine


L'olio di canapa presente per circa il 30% nei semi di canapa, contiene circa il 75% di acidi grassi polinsaturi essenziali, come gli acidi linoleico e linolenico, nella giusta proporzione per favorire il ricambio cellulare, ed inoltre dal 2% al 4% di gamma linolenico, che contribuisce al mantenimento del sistema ormonale ed al ricambio dei lipidi. Non dovrebbe mancare sulla tavola di vegetariani e vegani soprattutto.

Foto credits Rubyran

immagine

Il sapore è particolare, ma non sgradevole, in particolare se si impara a cucinarla nel modo giusto, l’unico limite è che per non perdere le proprietà nutritive dell’olio e dei semi decorticati è bene consumarli senza previa cottura, e conservarli in frigorifero una volta aperta la confezione. L’olio lo uso per condire insalate e fare una specie di pesto alla genovese dal sapore particolare, mentre utilizzo la farina di canapa per preparare dei panini molto buoni e a lievitazione rapida con birra e yogurt. Oppure i semi per fare salse e creme.

Mentre quando trovo i semi non decorticati, li mischio a pane e focacce prima di cuocerli, sono più resistenti, un po’ come i semi di sesamo e lino. Sono anche loro privi di cannabinoidi e quindi liberamente li potete comprare ed utilizzare, sono presenti anche nel cibo per cocorite ed altri uccelletti perché fanno bene al piumaggio.

L'importante è non seminarli per non violare la legge.

Isy

Puoi seguirmi su Facebook, google+, Pinterest oTwitter. Puoi trovarmi su Instagram come Isypedia


Bibliografia

http://www.beyondpeak.com/hemp.html

http://www.informationdistillery.com/hemp.htm

http://www.assocanapa.it/panels/panel_09.5.php

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Addio Winner. L'orso polare dello zoo di Buenos Ai...
Datteri: veri e propri remineralizzanti naturali
 

Commenti 1

Ospite - silvia il 09 05 2015
cannabis sativa

Io li uso non decorticati, biologici, frullati insieme a lino, sesamo e chia (oltre a pochssimo sale marino integrale) per un gomasio con cui condisco l'insalata. Si sente un po' il duro di alcuni semi non tritati alla perfezione, ma il risultato è molto buono!

0
Io li uso non decorticati, biologici, frullati insieme a lino, sesamo e chia (oltre a pochssimo sale marino integrale) per un gomasio con cui condisco l'insalata. Si sente un po' il duro di alcuni semi non tritati alla perfezione, ma il risultato è molto buono!
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 17 Luglio 2018
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram