Cibo e rimedio: i semi di Cannabis in cucina

Foto credits Federacion de asociaciones cannabicas

Anche se può suonare strano, la storia della Cannabis è strettamente legata a quella dell’umanità, ed è stata una delle prime piante ad essere addomesticata e coltivata. Solo nell'ultimo secolo,  dopo il proibizionismo e la cancellazione volontaria dai libri e dalla cultura popolare in Europa ed Americhe, di ogni sua virtù ed utilizzo, la Cannabis viene associata unicamente al suo potere allucinogeno e all'abuso di stupefacenti.

Questo ha “stranamente” coinciso con l’avvento nell'industria e nella nostra vita del nylon, della plastica e d tutti i derivati dal petrolio, che a prezzi molto più bassi dovevano sostituire la canapa e tutti i materiali da lei derivati nella vita delle persone.

Oltre ad essere utilizzata come materiale per la tessitura, per l’edilizia, per ottenere carta e come medicinale, la Cannabis è anche un’importante fonte di cibo. La cosiddetta Marijuana e la canapa  sono varietà della stessa pianta, la Cannabis sativa. A distinguerle e a permetterne in Italia la coltivazione per motivi tessili o industriali di queste piante è unicamente la concentrazione dei principi attivi i cannabinoidi (Tenore di THC inferiore allo 0,2%) mentre nelle piante che vengono utilizzate come droga arrivano al 10 -20%.

Molti ignorano quali incredibili proprietà abbiano i semi di questa pianta nel mantenimento della salute umana se utilizzati come cibo (non mi addentro nelle proprietà terapeutiche della pianta intera). E in tutta legalità, perché i semi di canapa non contengono mai THC , ma sono ricchi di vitamina D (necessaria per l’assorbimento del calcio), acidi grassi essenziali per il nostro organismo (Omega 3, Omega 6), importanti nella prevenzione di patologie cardiache e della pelle oltre a contenere edestine (dal greco  "edibile") delle proteine molto simili a  quelle contenute nel plasma  del nostro sangue e altamente benefiche.

Dai frutti (e dai semi che contengono) viene estratto un olio, è ottenuta una farina e si possono consumare i semi decorticati come mandorle, nocciole e altra frutta secca.

Foto credits Fluffymuppet




L'olio di canapa presente per circa il 30% nei semi di canapa, contiene circa il 75% di acidi grassi polinsaturi essenziali, come gli acidi linoleico e linolenico, nella giusta proporzione per favorire il ricambio cellulare, ed inoltre dal 2% al 4% di gamma linolenico, che contribuisce al mantenimento del sistema ormonale ed al ricambio dei lipidi. Non dovrebbe mancare sulla tavola di vegetariani e vegani soprattutto.

Foto credits Rubyran



Il sapore è particolare, ma non sgradevole, in particolare se si impara a cucinarla nel modo giusto, l’unico limite è che per non perdere le proprietà nutritive dell’olio e dei semi decorticati è bene consumarli senza previa cottura, e conservarli in frigorifero una volta aperta la confezione. L’olio lo uso per  condire insalate e fare una specie di pesto alla genovese dal sapore particolare,  mentre utilizzo la farina di canapa per preparare dei panini molto buoni e a lievitazione rapida con birra e yogurtOppure i semi per fare salse e  creme.

Mentre quando trovo i semi non decorticati, li mischio a pane e focacce prima di cuocerli, sono più resistenti, un po’ come i semi di sesamo e lino. Sono anche loro privi di cannabinoidi e quindi liberamente li potete comprare ed utilizzare, sono presenti anche nel cibo per cocorite ed altri uccelletti perché fanno bene al piumaggio.

L'importante è non seminarli per non violare la legge.

 Isy

Puoi seguirmi su Facebookgoogle+Pinterest oTwitterPuoi trovarmi su Instagram come Isypedia


Bibliografia

http://www.beyondpeak.com/hemp.html

http://www.informationdistillery.com/hemp.htm

http://www.assocanapa.it/panels/panel_09.5.php

 

Vota:
Addio Winner. L'orso polare dello zoo di Buenos Ai...
Datteri: veri e propri remineralizzanti naturali
 

Commenti 1

Ospite - silvia il Sabato, 09 Maggio 2015 14:22
cannabis sativa

Io li uso non decorticati, biologici, frullati insieme a lino, sesamo e chia (oltre a pochssimo sale marino integrale) per un gomasio con cui condisco l'insalata. Si sente un po' il duro di alcuni semi non tritati alla perfezione, ma il risultato è molto buono!

0
Io li uso non decorticati, biologici, frullati insieme a lino, sesamo e chia (oltre a pochssimo sale marino integrale) per un gomasio con cui condisco l'insalata. Si sente un po' il duro di alcuni semi non tritati alla perfezione, ma il risultato è molto buono!
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 24 Maggio 2017