Andar per piante spontanee: olivello spinoso. Vitamina C!

Mentre scrivo questo articolo, sto sorseggiando un bicchiere di succo di bacche Hippophae rhamnoides (o Hippophaë fluviatilis) e melone. Le ho raccolte ieri in riva al fiume, tra le montagne.

Questo è il nome botanico dell’olivello spinoso, le cui foglie, secondo un mito, erano uno dei cibi preferiti del leggendario cavallo volante Pegaso. Da lì il nome scientifico della pianta che si può tradurre come “cavallo lucido, splendente”. Arriva l’autunno! Possiamo fare una cura ricostituente con i doni della natura per arrivare ad affrontare i malanni di stagione ben equipaggiati. In questi ultimi giorni di estate possiamo raccogliere le bacche di rosa canina, le more, e i frutti dell’olivello e fare delle scorpacciate di vitamine che rinforzano il nostro sistema immunitario.

Con il succo dei frutti di olivello si creano rimedi curare raffreddori, febbre, stanchezza e debolezza. Assumere il succo fresco ci permette di assorbire le vitamine, che non troviamo negli sciroppi e nelle conserve.

Per riconoscere queste bacche senza sbagliarvi consultate i miei articoli sulle bacche autunnali commestibili e velenose.

Le bacche di questa pianta hanno un altissimo contenuto di vitamina C, con un contenuto medio (695 mg per 100 g) circa 15 volte maggiore di arance (45 mg per 100 g). Sono alte anche le concentrazioni di carotenoidi, vitamine del gruppo B (acido folico), B1, B2, B6, B12, B15, K, aminoacidi, sali minerali, β-sitosterolo, polifenoli e serotonina.

I riferimenti al l'uso medicinale di questa pianta sono stati trovati in testi greci antichi come " La storia delle piante” di Teofrasto (372-287 aC), il successore di Aristotele nella scuola peripatetica, e nei testi di medicina tibetana, come " Quattro Tantra Medici (Gyu Shi) insegnati dal Buddha e approfonditi in Tibet a partire dall’VIII secolo d.C., che elenca 84 prescrizioni per la preparazione dell’olivello spinoso nella medicina tradizionale.  

L’olivello spinoso è tutt’oggi usato come pianta medicinale tradizionale nella regione di montagna indù-Khush-himalayano, in particolare in India, Bhutan, Pakistan, Nepal e Cina: raccolgono le bacche per usi medicinali (per alleviare la tosse, la digestione, rinvigorire la circolazione del sangue e alleviare il dolore), lasciano che gli animali pascolino le loro foglie ed impiantano siepi di olivello per proteggere i loro terreni agricoli dall’esondazione dei canali.

L’olio di olivello spinoso

Oggi, l’olio di olivello spinoso è uno dei fitofarmaci più frequentemente prescritti da medici russi e cinesi per una pletora di disturbi, tra cui ulcere dello stomaco, ustioni, emorroidi, e per la cura della pelle e dei capelli. Per la sua azione emostatica e anti- infiammatoria, i frutti vengono aggiunti ai farmaci per patologie polmonari, gastrointestinali, cardiache e per curare disturbi metabolici nelle medicine indiana, cinese e tibetana.

Chiamato 'Chharma' in Himachal Pradesh (India), l’olio estratto dai frutti e dai semi viene utilizzato per curare le malattie del fegato, i disturbi del sistema gastrointestinale, tra cui ulcera peptica e gastrite, eczema, afte e altri disturbi ulcerative della mucosa tessuti, ferite, infiammazioni, ustioni, congelamento, la psoriasi, rosacea, lupus eritematoso e dermatosi croniche. Corteccia e foglie possono essere utilizzati per il trattamento di diarrea e disturbi dermatologici.

Quest’olio è la fonte più potente di acido palmitoleico (C16: 1) con valori fino a 34%. Questo acido grasso supporta rigenerazione cellulare e dona una pelle morbida e vellutata, prevenendone l’invecchiamento precoce. Ha un potere protettivo solare naturale ed è più utile come olio di guarigione per qualsiasi tipo di ustione. È stato utilizzato dopo il disastro di Chernobyl per curare le ustioni di radiazione. Contiene, inoltre, tocoferoli, tocotrienoli e fitosteroli, flavonoidi, omega 3 e 6, DHA e numerosi oligoelementi. I flavonoidi sono estratti dai frutti e vengono utilizzati soprattutto nel trattamento di problemi cardiovascolari.

C’è un po’ di confusione quando si parla di olio di olivello spinoso, perché ce ne sono due tipi in realtà:

L’olio estratto dalla spremitura dei frutti interi e l’olio estratto dai semi. Hanno un profilo nutrizionale simile, contenendo acidi grassi, tocoferoli, tocotrienoli, e carotenoidi. Sono in realtà differenti, sia per il colore (l'olio ottenuto dai frutti è rosso scuro e molto viscoso, mentre l'olio ottenuto dai semi è di colore giallo pallido - arancione e più fluido), che per il profilo nutritivo degli acidi grassi: Omega 6 e Omega 7 per il primo (, Omega 3, Omega 6 e Omega 9 per il secondo. Utilizzarli uniti è la scelta migliore per avere il massimo degli effetti benefici da queste piante.

Buona raccolta!

Isy

Puoi seguirmi su Facebookgoogle+Pinterest oTwitter. Puoi trovarmi su Instagram come Isypedia

Riferimenti

http://seabuckthorn.co.uk/index.html

4. Todd, J. Introduction to sea-buckthorn, Ontario Ministry of Food, Agriculture and Rural Affairs, February, 2006

5. United States Department of Agriculture Seaberry Profile

6. Cenkowski, S., Yakimishen, R., Przybylski, R. and Muir, W.E. Quality of extracted sea buckthorn seed and pulp oil Department of Biosystems Engineering, University of Manitoba, Winnipeg, Manitoba R3T 5V6, Canada

7. Alam Zeb. Chemical and Nutritional Constituents of Sea Buckthorn Juice, Department of Biotechnology, University of Malakand, Chakdara, N.W.F.P, Pakistan

8. Subhuti Dharmananda, Ph.D. SEA BUCKTHORN Institute for Traditional Medicine, Portland, OR, USA

9. ebook 

10. https://montecho.wordpress.com

Vota:
Storie di frustrazione urbana: i mezzi pubblici di...
Quei 35 euro dati agli immigrati...
 

Commenti 3

Ospite - Boscolo Enzo il Venerdì, 30 Dicembre 2016 00:02
vorrei coltivare un fruttetodi olivello spinoso

Buongiorno sono un agricoltore vorrei coltivare un frutteto di olivello spinoso
come si può fare e a chi si consegna il prodotto.

1
Buongiorno sono un agricoltore vorrei coltivare un frutteto di olivello spinoso come si può fare e a chi si consegna il prodotto.
Clorofilla il Domenica, 01 Gennaio 2017 17:13
PER LE INFORMAZIONI SULLA COLTIVAZIONE : https://casa.atuttonet.it/casa-giardino/olivello-spinoso-coltivazione.php UN VIVAIO CHE LI VENDE: http://www.fruttiantichi.biz/mpc/75/pc/435/lty/B/prodotti.aspx
Clorofilla il Domenica, 01 Gennaio 2017 17:25

Per quanto riguarda la commercializzazione, non ne ho idea, dovrebbe cercare dei trasformatori che fanno succhi e confetture e chiedere di produrli per lei magari

0
Per quanto riguarda la commercializzazione, non ne ho idea, dovrebbe cercare dei trasformatori che fanno succhi e confetture e chiedere di produrli per lei magari
Già registrato? Login qui
Ospite
Domenica, 25 Giugno 2017