Le ragioni scientifiche ed etiche per non abusare dei cibi: 2. GLI ANACARDI

b2ap3_thumbnail_140529_TECH_CashewsInText.jpg.CROP.promo-mediumlarge.jpg

Fino ad una decina di anni fa, gli anacardi costavano come l'oro ed era anche difficile trovarli nei supermercati, se non salati in confezioni piccolissime. Ora le cose sono cambiate: come mai?

 Quando sono stata in viaggio in Costarica nel 2000, ero golosa del frutto dell'albero dell'anacardo (Anacardium occidentale), chiamato marañon: quando ben maturo, giallo, aranco o rosso, ha un delizioso sapore simile ad un incrocio tra pesca, ananas e fragole, con un retrogusto piccante.

In molti paesi latinoamericani è più consumato il falso frutto (un peduncolo polposo e ingrossato) del seme (contenuto nel frutto, una noce), che anzi, in passato veniva gettato.

b2ap3_thumbnail_cashew-fruit.jpg

Il seme dell'anacardo, qualcuno ancora lo ricorda per le lesioni alla bocca subite dal tentativo di consumarlo appena staccato dall'albero: gli anacardi crudi contengono urushiolo, la stessa sostanza che si trova nella famosa "poison Ivy" (edera velenosa) americana, cardolo e acido anacardico: possono causare forti dermatiti di origine autoimmune, fino a veri e propri shock anafilattici se ingeriti in grande quantità.

b2ap3_thumbnail_2439635_orig.jpg

Quindi, gli anacardi che consumate sono stati cotti a vapore prima di essere messi in commercio, altrimenti sarebbero velenosi e non commestibili, a causa dei residui di oli che restano all'apertura del frutto. Ho visto in commercio anacardi "raw" per i crudisti, ma non ho trovato da nessuna parte informazioni sul processo di estrazione e sul dove viene effettuato. Possono non essere arrostiti o cotti nell'olio come quelli di produzione industriale, ma una passatina sul vapore dovrebbero averla fatta.

Ora possiamo consumare anacardi quando vogliamo: in pochi anni il loro prezzo è sceso vertiginosamente e sono incredibilmente versatili per creare deliziose creme vegan, oltre a fare bene alla salute, tanto da essere ormai tra i superfood ad alto contenuto di minerali, fibre, proteine ​​e grassi insaturi, praticamente una panacea in grado di prevenire tutti i mali.

In realtà, qualunque alimento, consumato troppo spesso non fa bene alla salute, perchè qualunque pianta contiene anche sostanze non benefiche, che con l'accumulo nel nostro organismo possono causare problemi di salute. L'anacardo, ad esempio è uno dei frutti secchi a più alta concentrazione di nichel, e dato il propagarsi a macchia d'olio di questa allergia da accumulo, se avete già sintomi di allergia ai gioielli e ai capi di abbigliamento contententi questa sostanza, evitate di consumarli.

Inoltre gli anacardi sono annoverati tra gli allergeni più pericolosi, potendo causare shock anafilattici mortali negli individui sensibili: uno studio del 2007 pubblicato sulla rivista Allergy ha confermato gli anacardi come importanti allergeni, che si classificano ad un livello superiore a quello delle arachidi per la loro potenzialità di causare gravi reazioni (Clark, Anagnostou, Ewan, 2007).

In più, se siete consumatori "green" e consapevoli, non potete ignorare ciò che si nasconde dietro al calo di prezzo e all'aumento di disponibilità di questo prodotto: come spesso accade, sono le persone che lavorano nella catena di produzione di questi deliziosi semi a soffrire, a tal punto che è stato coniato il termine "anacardi di sangue": estrarli è un lavoro difficile e pericoloso per la salute, dato che oltre ad essere tossici per contatto, i fumi derivati dalla tostatura del frutto possono causare, se non adeguatamente rimossi dall'ambiente, dermatiti simili ad ustioni. 

In Vietnam, il paese maggior esportatore di anacardi, la terapia per le persone che si devono riabilitare dal consumo di dorga, consiste nel farli lavorare 10 ore al giorno alla loro preparazione in speciali campi di concentramento, torturando chi si rifiuta, tanto che questa pratica la ritrovate nei siti che combattono la piaga della tortura e dei campi di lavoro in Vietnam. Il tutto molto spesso viene prodotto per conto di ditte americane ed europee.

b2ap3_thumbnail_1396655257.jpg

Lo stesso succede in India dove viene processato il 60% degli anacardi a livello mondiale (ed in problema inizia in Africa, che ha incrementato la sua produzione): sopratutto donne (stimate in un numero di 500,000) avorano per turni massacranti in condizioni insalubri e pericolose, per pochi dollari al giorno, riuscendo appenaa sopravvivere e riportando danni permanenti alla salute. Qualche mese fa 17.000 persone hanno sciperato per chiedere un aumento di stipendo, e questo facendo aumentare i costi delle sportazioni indiane, sicuramente favorirà la produzione vietnamita e la necessità di detenuti.

b2ap3_thumbnail_Agartala-North-east-India-AFPGetty-Images_20150706-125828_1.jpg

Come per quanto riguarda il tanto controverso articolo che ho scritto sulla soia, non sto cercando di criminalizzare nessun alimento, ma di dare una visione più completa su prodotti che vengono introdotti in modo massiccio nelle nostre diete con aloni di santità e salubrità immeritati. Essendo allergica al nichel, ed essendo caduta io stessa nella trappola dell'utilizzo massiccio dei deliziosi anacardi, spero di essere stata utile a qualcuno di voi, oltre che a sensibilizzarvi sul fatto che spesso è meglio mangiar un prodotto che costa di più e in quantità inferiore, scegliendolo proveniente dal commercio equo e rendendo il mondo un posto migliore per tutti.

Isy

Puoi seguirmi su Facebookgoogle+Pinterest oTwitter. Puoi trovarmi su Instagram come Isypedia

Vota:
Latte d'orzo o di avena: come prepararlo
Coppetta Mestruale: 6 cose da sapere prima di acqu...
 

Commenti 2

Ospite - Stefania il Martedì, 07 Luglio 2015 23:55

Ottimo articolo. Il problema è che molta gente fa il "tifo" per certi alimenti (vedi la soia, pompata dalle multinazionali che hanno fatto credere ai suggestionabili ed ingenui vegetarian-vegani - e non solo a loro - che avesse chissà quali proprietà) e, dopo averli usati per anni, convinta di consumare alimenti benefici, non accetta che il "super" alimento, tanto super non era, anzi, può anche essere dannoso per l'organismo.

0
Ottimo articolo. Il problema è che molta gente fa il "tifo" per certi alimenti (vedi la soia, pompata dalle multinazionali che hanno fatto credere ai suggestionabili ed ingenui vegetarian-vegani - e non solo a loro - che avesse chissà quali proprietà) e, dopo averli usati per anni, convinta di consumare alimenti benefici, non accetta che il "super" alimento, tanto super non era, anzi, può anche essere dannoso per l'organismo.
Clorofilla il Mercoledì, 08 Luglio 2015 18:03

Grazie mille Stefania, siamo tutti influenzabili finchè non ci informiamo, io per prima. Spero veramente di di evitare a qualcuno che in buona fede sostituisce il latte con qualcosa che bene non fa, di sviluppare allergie che poi ci metteranno anni e dolore ad andarsene...

0
Grazie mille Stefania, siamo tutti influenzabili finchè non ci informiamo, io per prima. Spero veramente di di evitare a qualcuno che in buona fede sostituisce il latte con qualcosa che bene non fa, di sviluppare allergie che poi ci metteranno anni e dolore ad andarsene...:)
Già registrato? Login qui
Ospite
Domenica, 25 Giugno 2017