Clorofilla

La lenta scomparsa delle Alpi Apuane a causa delle cave di marmo

b2ap3_thumbnail_carrara-marble-fron-art-history-to-toothpaste-the-environmental-disaster.jpg

Ho trovato in rete un video che celebra la maestria degli esperti che lavorano nelle cave di marmo di Carrara e sono rimasta incantata:

Vedendolo, però, mi sono chiesta che tipo di impatto ambientale avesse questa attività e ho iniziato a cercare notizie in rete, scoprendo come questo tipo di estrazione stia lentamente distruggendo le montagne e i corsi d’acqua della zona.

Le cave di marmo nei dintorni di Carrara sono antichissime, un terzo delle 85 cave è di epoca romana, e le opere d'arte e di architettura create utilizzando questo marmo sono presenti, oltre che in Italia, in tutto il mondo. Eppure un’attività estrattiva poco regolamentata sta minacciando le montagne dalle quali è stato scolpito il David di Michelangelo, creando molti problemi agli abitanti delle zone circostanti.

b2ap3_thumbnail_10974687_1004620196232340_7879634044125725294_o.jpg

Nel 1920 da queste cave venivano estratte meno di centomila tonnellate di marmo all’anno. Oggi si arriva a più di cinque milioni di tonnellate, per tenere testa a produttori in Cina, Russia e India. Per ridurre i costi e contenere i prezzi si scava a ritmi serrati, usando le trivelle pneumatiche ed enormi pale meccaniche. Lo sfruttamento delle cave di marmo sta distruggendo l’ambiente e creando problemi alla salute degli abitanti.

“Salviamo le Apuane” è un gruppo di varie organizzazioni che tentano di preservare le montagne, che continuano a scomparire un pezzetto alla volta, nonostante le leggi che dovrebbero tutelare il paesaggio, la fauna e la flora delle alpi Apuane, essendo tutelate da un Parco regionale dal 1985.

b2ap3_thumbnail_1656228_589015907846001_1391365341_n.jpg

Ci sono uomini e donne che da oltre 20 anni si battono perché questo enorme patrimonio naturale ed anche culturale possa ottenere la tutela che gli spetta e perché almeno all'interno dei confini dell'area protetta cessi completamente la distruzione: singole persone, associazioni ambientaliste locali, appassionati frequentatori della montagna, studiosi, movimenti e comitati da tempo gridano al disastro ambientale e avvertono del pericolo che l'attività di estrazione del marmo, che procede ormai a ritmi vertiginosi date le nuove metodologie utilizzate e i mezzi a disposizione, possa a breve danneggiare pesantemente anche l'enorme patrimonio acquifero dell'area: la marmettola, polvere di marmo che risulta dal taglio, si infiltra inesorabilmente nelle fessure della montagna e va a depositarsi nelle vene d'acqua all'interno delle montagne; in superficie viene trascinata a valle ad ogni pioggia rendendo bianche come il latte le acque dei torrenti e dei fiumi per poi depositarsi anche su quei fondali. Questa polvere di marmo pur non essendo un inquinante chimico, rappresenta un grave inquinante fisico in quanto si deposita sul fondo dei corsi d'acqua distruggendone i microambienti e rendendo, di fatto, impossibile l'insediamento agli organismi viventi.

b2ap3_thumbnail_266062_322878387806069_1299812587_o.jpg
Dei cinque milioni di tonnellate di marmo scavato ogni anno, solo un quinto viene estratto in blocchi e usato per realizzare sculture ed edifici, il resto sono detriti destinati ad essere trasformati in se trasformati in carbonato di calcio da usare per sostituire il piombo nelle vernici, l’amianto nei tetti, la fibra di legno nella carta e come riempitivo nei cereali, nei cosmetici, nelle pasticche di vitamine e nel dentifricio. Un quintale di carbonato di calcio costa 10.800 euro, mentre una tonnellata di marmo bianco puro costa 3.300 euro. La legge regionale stabilisce che le cave non possono essere usate solo per estrarre detriti, ma secondo i residenti e gli ambientalisti, è proprio quello che accade. All’inizio del secolo scorso Carrara era nota per le centinaia di laboratori di scultura, dove gli artigiani eseguivano lavori su commissione per conto di famosi artisti e riproducevano le copie di capolavori. Oggi sono rimasti pochi di quei laboratori: le aziende concessionarie preferiscono spedire via mare i blocchi grezzi in paesi come l’India, dove il lavoro costa meno.

b2ap3_thumbnail_10462525_593869127401595_6794207990057288064_n.jpg
Nonostante la città sia vicino al mare, tra gli abitanti di Carrara le percentuali di malattie polmonari sono più alte di quelle delle città che hanno molte industrie. Legambiente ha documentato per anni questi problemi e ha registrato una concentrazione molto alta di polveri di marmo nell’aria. Polveri che causano l’asma, il cancro ai polmoni, a bronchite, disturbi cardiovascolari e altri problemi respiratori.
Vi propongo un altro video Aut Out -- la distruzione delle Alpi Apuane il più grosso disastro ambientale d'europa-Marmo di Carrara-- Un cortometraggio presentato al Trento Film Festival di Alberto Grossi, che insieme a Franca Leverotti ed Elia Pegollo, rappresenta una delle colonne portanti di un movimento che è divenuto sempre più ampio e diversificato ma compatto nel denunciare quello che sta avvenendo e nel voler salvaguardare il proprio territorio.


Potete supportare la loro causa firmando la petizione qui e chiedere di fermare la distruzione delle Alpi Apuane:

https://secure.avaaz.org/en/petition/Ferma_la_distruzione_delle_Alpi_Apuane/

E visitare le pagine facebook:

https://www.facebook.com/SalviamoAlpiApuane.MontagnedAcqua?fref=photo

https://www.facebook.com/savetheapuan

Fonti dell’articolo e risorse utili:

Veroinque Mistiaen, Readers's Digest, Gran Bretagna: Carrara: Turning Art History Into Toothpaste. What’s going on at the famed Italian marble quarry. https://artislimited.wordpress.com/2012/12/09/turning-art-history-into-toothpaste-the-issues-involving-the-ongoing-environmental-disaster-in-carraras-marble-region-are-beginning-to-be-noticed/

https://secure.avaaz.org/en/petition/Ferma_la_distruzione_delle_Alpi_Apuane/

http://www.salviamoilpaesaggio.it/blog/2014/07/toscana-linchino-della-politica-alla-lobby-dei-concessionari-di-cave/

tuvali 320 a

TuVali

+ di 130 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

donnapop

Segui DonnaPOP

Il magazine femminile che trascina nell'arena i trend del momento!

Amore: due cuori e una capanna? Per qualcuno ma no...
Risparmio energetico: torna M’illumino di Meno
 

Commenti 7

Link: L'inchino della politica alla lobby dei concessionari di cave

Il link sopra non apre la pagina, alleghiamo un link funzionante. Grazie per il contributo alla divulgazione da tutti noi, " SALVIAMO LE ALPI APUANE". http://www.salviamoilpaesaggio.it/blog/2014/07/toscana-linchino-della-politica-alla-lobby-dei-concessionari-di-cave/

1
Il link sopra non apre la pagina, alleghiamo un link funzionante. Grazie per il contributo alla divulgazione da tutti noi, " SALVIAMO LE ALPI APUANE". http://www.salviamoilpaesaggio.it/blog/2014/07/toscana-linchino-della-politica-alla-lobby-dei-concessionari-di-cave/
SALVIAMO LE ALPI APUANE

Scusi, quale è il danno che subisce l' ambiente?

0
Scusi, quale è il danno che subisce l' ambiente?
Clorofilla il 15 04 2015

Vedo ora, aggiungo il link.

0
Vedo ora, aggiungo il link. :)
Ospite - Cristiano il 04 03 2015

Noto qualche inesattezza nella ricostruzione del ciclo produttivo del marmo. Ad esempio, non è che le aziende concessionarie decidano di esportare i materiale in Paesi dal basso costo di manodopera, bensì vendono il materiale ad aziende di Paesi con la manodopera a basso costo. E' la concorrenza diretta di questi produttori esteri a decretare la chiusura delle manifatture locali. So che sembra assurdo ma ad oggi per fare una statua di Carrara, conviene comprarla dalla Cina che non farla fare a due passi dalla cava. I costi di trasporto, lavorazione e ri-importarzione del prodotto finito dalla Cina, ha costi più bassi del prodotto fatto in Italia.

Ora comprendo l'allarme sul dissesto visibile delle cave, ma dall'altra bisogna anche dire che l'attività di escavazione non è, come scritto, deregolamentata, ma l'esatto opposto. Ad oggi ogni cavatore deve presentare un piano di ripristino della cava una volta che essa venga chiusa. Questo significa che i "buchi" nella montagna saranno ricoperti ed il bosco piantumato a nuovo. Chiaro che è da vedere se noi italiani ci priveremo di una delle pochissime materie prime che tutto il mondo ci invidia e richiede.

Discorso diverso per le polveri sottili. La lavorazione del marmo non crea direttamente polveri sottili ma indirettamente. Oltre una certa dimensione solo certi elementi possono essere ridotti in PM10. La causa delle polveri sottili è da ricercare nel fatto che la zona è ad alto traffico di mezzi pesanti, essendo uno dei centri produttivi più attivi del Paese più che nell'escavazione del marmo. Cosa che viene fatta con utensili da taglio ad acqua principalmente, quindi ad abbattimento di polveri quasi totale.

0
Noto qualche inesattezza nella ricostruzione del ciclo produttivo del marmo. Ad esempio, non è che le aziende concessionarie decidano di esportare i materiale in Paesi dal basso costo di manodopera, bensì vendono il materiale ad aziende di Paesi con la manodopera a basso costo. E' la concorrenza diretta di questi produttori esteri a decretare la chiusura delle manifatture locali. So che sembra assurdo ma ad oggi per fare una statua di Carrara, conviene comprarla dalla Cina che non farla fare a due passi dalla cava. I costi di trasporto, lavorazione e ri-importarzione del prodotto finito dalla Cina, ha costi più bassi del prodotto fatto in Italia. Ora comprendo l'allarme sul dissesto visibile delle cave, ma dall'altra bisogna anche dire che l'attività di escavazione non è, come scritto, deregolamentata, ma l'esatto opposto. Ad oggi ogni cavatore deve presentare un piano di ripristino della cava una volta che essa venga chiusa. Questo significa che i "buchi" nella montagna saranno ricoperti ed il bosco piantumato a nuovo. Chiaro che è da vedere se noi italiani ci priveremo di una delle pochissime materie prime che tutto il mondo ci invidia e richiede. Discorso diverso per le polveri sottili. La lavorazione del marmo non crea direttamente polveri sottili ma indirettamente. Oltre una certa dimensione solo certi elementi possono essere ridotti in PM10. La causa delle polveri sottili è da ricercare nel fatto che la zona è ad alto traffico di mezzi pesanti, essendo uno dei centri produttivi più attivi del Paese più che nell'escavazione del marmo. Cosa che viene fatta con utensili da taglio ad acqua principalmente, quindi ad abbattimento di polveri quasi totale.
Clorofilla il 15 04 2015

Quando ho studiato geologia all'università, ho studiato il ripristino di cava...ecco, qui mi sembra un po' difficile ripristinare cime che non esistono più e fare un bel laghetto con bosco intorno...
capisco benissimo le ragioni di chi lavora questa materia prima, ma la sua svendita e la conseguente distruzione ambientale vanno di pari passo con la chiusura delle attività artigianali italiane a favore dei cinesi da quello che ho capito...

0
Quando ho studiato geologia all'università, ho studiato il ripristino di cava...ecco, qui mi sembra un po' difficile ripristinare cime che non esistono più e fare un bel laghetto con bosco intorno... capisco benissimo le ragioni di chi lavora questa materia prima, ma la sua svendita e la conseguente distruzione ambientale vanno di pari passo con la chiusura delle attività artigianali italiane a favore dei cinesi da quello che ho capito...
Ospite - Raffaele il 14 07 2015

Obbiettivamente sarei curioso di assistere alla "MAGIA O MIRACOLO" umano che riesca a ripristinare il delicato equilibrio di questo meraviglioso regalo della natura. Obbiettivamente non penso che la chiusura delle cave possa in qualche modo mettere in ginocchio l'economia locale, personalmente non ho mai contato più di 6 operai a cava che moltiplicato per 85 cave "se la matematica non è un'opinione" fa 510 cavatori, aggiungendo i camionisti addetti al trasporto e i magazzinieri dei vari centri di raccolta non penso che superiamo il migliaio di addetti, un pò pochi a mio parere per giustificare l'estrazione di questa "PREZIOSA MATERIA PRIMA" a discapito di un posto unico al mondo che potrebbe creare molta più occupazione semplicemente promuovendo bene il lato turistico.
Mi sembra chiaro che come al solito questo gioco arricchisce quei pochi a discapito del resto della ciurma.

0
Obbiettivamente sarei curioso di assistere alla "MAGIA O MIRACOLO" umano che riesca a ripristinare il delicato equilibrio di questo meraviglioso regalo della natura. Obbiettivamente non penso che la chiusura delle cave possa in qualche modo mettere in ginocchio l'economia locale, personalmente non ho mai contato più di 6 operai a cava che moltiplicato per 85 cave "se la matematica non è un'opinione" fa 510 cavatori, aggiungendo i camionisti addetti al trasporto e i magazzinieri dei vari centri di raccolta non penso che superiamo il migliaio di addetti, un pò pochi a mio parere per giustificare l'estrazione di questa "PREZIOSA MATERIA PRIMA" a discapito di un posto unico al mondo che potrebbe creare molta più occupazione semplicemente promuovendo bene il lato turistico. Mi sembra chiaro che come al solito questo gioco arricchisce quei pochi a discapito del resto della ciurma.
SALVIAMO LE ALPI APUANE

Ho letto tutto l' articolo ed ho capito. Condivido

1
Ho letto tutto l' articolo ed ho capito. Condivido
Già registrato? Login qui
Ospite
Sabato, 16 Febbraio 2019
sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram