Clorofilla

Riconoscere le bacche autunnali spontanee: 1.Quelle tossiche o velenose

b2ap3_thumbnail_fff.jpg

Riconoscere le bacche autunnali delle piante spontanee tossiche o velenose.

Un lettore di Greenme ha posto un quesito su una foto, fatta in questo periodo, sull’identificazione di bacche e relativa foglia trovate durante una passeggiata. Io, pur botanica di professione, ho scambiato i frutti del Tamaro (Tamus communis) per quelli della Salsapariglia (Smilax aspera). Mmmh, si somigliano molto, ma non sono la stessa pianta, ed è inutile dare la colpa solo alla foto poco chiara...Mi rendo conto aver posto più attenzione alla foglia che al frutto, e che dato che sono entrambe velenose, non mi sono soffermata troppo ad osservare le loro bacche. Ho avuto fretta. Una lezione ogni tanto serve a ricordare che non si può determinare le piante, non tutte almeno, con un colpo d’occhio e alla leggera, soprattutto se non c’è il fiore. Quindi …urge un bel ripassino sui frutti di fine estate e autunnali, che spero sia utile anche a voi, dato che boschi si riempiono di bacche colorate, alcune eduli, altre velenose.

Per altre informazioni e curiosità sulla natura seguitemi sulla mia pagina facebook, e segnalatemi altre piante spontanee, se le ho dimenticate :)

Bacche di piante autoctone tossiche e velenose

(clicca sul nome scientifico per avere più informazioni)

Salsapariglia (Smilax aspera): è una piccola erba rampicante spinosetta, una monocotiledone come l’aglio e gli iris per intenderci. Le sue bacche mature sono rosso vivo e ci arrivano passando dal verde, al giallo, all’arancio. I più esperti raccolgono in primavera i suoi getti come gli asparagi, ma il consiglio generale che do è quello di evitare questa pianta per la sua tossicità.

b2ap3_thumbnail_securedownload-4.jpg

Tamaro (Tamus communis) anche questa è una pianta erbacea rampicante, ma essendo una dicotiledone, le nervature delle sue foglie sono “normali” ovvero si diramano da una nervatura centrale. Le sue bacche sono riunite in gruppi che li fanno somigliare a grappoli. Le bacche rosse sono velenose e non vanno assolutamente consumate. Anche i giovani germogli della pianta sono raccolti come gli asparagi.

b2ap3_thumbnail_securedownload-5.jpg

Caprifoglio, madreselva (Lonicera caprifolium): un’altra pianta rampicante, legnosa questa volta, capace di “strangolare” le piante che utilizza come supporto. I suoi fiori profumatissimi le hanno fatto guadagnare un posto d’onore nei giardini, e da bambina avevo una voglia di assaggiare le piccole bacche rosse o arancio che spuntavano in autunno…per fortuna non l’ho mai fatto, sono velenose.

b2ap3_thumbnail_securedownload-8.jpg

Berretta del prete, fusaggine (Euonymus europaeus ) è un arbusto che io ho sempre trovato nei prati stabili di pianura, oppure nei boschi del sud Italia. Tutte le parti della pianta sono velenose e i frutti non sono vere e proprie bacche, ma si aprono a mostrare dei semi carnosi: l’ingestione di pochi dei bellissimi semi può risultare mortale, agendo come purgativo violento. Per via esterna, il decotto della pianta è disinfettante e tiene lontani e parassiti. Velenosissima.

b2ap3_thumbnail_securedownload-6.jpg

Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia) : ecco un albero dalle bellissime bacche arancio vivo. L’ho messo tra le piante velenose, perché se non sono trasformati con la cottura, i frutti sono tossici, soprattutto per il contenuto di acido cianidrico e per la presenza di sostanze lassative. Non capisco chi dice di consumarlo cotto per sfruttare la vitamina C che contiene, quando la vitamina C è termolabile e sparisce con la cottura.

b2ap3_thumbnail_securedownload-7.jpg

Piracanta (Pyrachanta coccinea): anche se si trova spesso nei giardini come ornamentale, la piracanta è una pianta spontanea e a volte le sue bacche arancioni colorano i boschi. Sono amare e astringenti, non commestibili da crude, un po' come il sorbo qui sopra. I semi sono velenosissimi e contengono glicosidi cianogenetici: meglio eliminarli se volete seguire alcune ricette che ho trovato in rete e farne conserve. Io evito.

b2ap3_thumbnail_securedownload-11.jpg

arona tgi

SEAT

Nuova SEAT Arona TGI a metano: prezzi, modelli e caratteristiche

trocathlon320

Trocathlon

Come vendere e acquistare attrezzatura sportiva usata per aiutare l'ambiente

Pentola fornetto, cosa è e come funziona!
Riconoscere le bacche autunnali spontanee: 2. Quel...
 

Commenti 4

Ospite - renzo il 10 11 2014

Grazie, non sapevo che la Lonicera facesse bacche, devo dirlo alla mia vicina che ha bimbi piccoli. Adesso aspettiamo un articolo sulle bacche buone!

1
Grazie, non sapevo che la Lonicera facesse bacche, devo dirlo alla mia vicina che ha bimbi piccoli. Adesso aspettiamo un articolo sulle bacche buone!
Clorofilla il 12 11 2014
Ciao Renzo, prego! Ecco l'articolo sulle bacche commestibili! http://www.greenme.it/spazi-verdi/clorofilla/1974-riconoscere-le-bacche-autunnali-spontanee-2-quelle-commestibili
Ospite - Mario il 12 08 2017
Acerrimi pium

A madonna di campiglio, il treno che porta da patascoss a malga ritorto narra di queste famigerate bacche "acerrimus pium" sette anche sciopacú. Ma esistono? Non ne trovo traccia. Grazie

0
A madonna di campiglio, il treno che porta da patascoss a malga ritorto narra di queste famigerate bacche "acerrimus pium" sette anche sciopacú. Ma esistono? Non ne trovo traccia. Grazie
Ospite - Mario il 12 08 2017
Acerrimus pium

Preciso meglio il.nome... come sopra

0
Preciso meglio il.nome... come sopra
Già registrato? Login qui
Ospite
Sabato, 23 Marzo 2019
sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram