Le more, i dolci frutti del rovo. Tante proprietà benefiche e una ricetta

b2ap3_thumbnail_per-inizio_20140901-095027_1.jpg

Fine agosto, soprattutto sui monti, è di solito il tempo di raccogliere frutti bosco come more, mirtilli, lamponi...quest'anno invece ho raccolto anche i funghi, continua a piovere e sembra autunno. In ogni caso le more sono abbondantissime e saporite, quindi, sfidando i rovi e le loro spine, ne ho fatto una buona scorta, oltre che una bella scorpacciata. Vanno raccolte quando sono nere e morbide, perchè il loro sapore sia dolce e pieno.


b2ap3_thumbnail_11_20140901-095113_1.jpg

Questi frutti sono ricchi di acido gallico, rutina e acido ellagico, sostanze che hanno proprietà anti-virali e anti-batteriche. Con il loro colore blu scuro, le more hanno uno dei più alti livelli di antiossidanti (più dei mirtilli) testati nella frutta, gli antociani, oltre ad essere ricche di vitamina C e fibre,importantissimi per mantenere la salute e combattere i danni dei radicali liberi nel corpo. (fonte Oregon Raspberry & Blackberry Commission)

Le more sono i frutti del rovo ((Rubus fruticosus L.), una pianta invasiva e piena di spine della famiglia delle Rosaceace, che inizia a fiorire verso Maggio, per poi essere impollinata da sia dagli insetti, che da vento. Non è una buona idea piantarne un getto in giardino, in poco tempo, se non contenuta, si prenderebbe tutto lo spazio ed è davvero difficile eliminare questa robustissima pianta una volta che si é installata. Meglio raccoglierle selvatiche, in luoghi poco inquinati.

b2ap3_thumbnail_7.jpg

Per conservarle, io no surgelo una parte, in modo da averle disponibili al naturale anche in inverno. 

L'altra parte la trasformo in una composta rapida e gustosa, che di solito ha durata talmente breve, che conservo i vasetti semplicemente in frigo e li consumo entro pochi giorni come dolce a fine pasto o a colazione su yogurt, ricotta, pane..

Ecco il procedimento: more in padella

Pesare le more e calcolare il 30% del peso di zucchero di canna. Prendere una grande padella antiaderente e cuocete a fuoco medio le more, prima a coperchio chiuso, poi, una volta che il sugo dei frutti è fuoriuscito, senza coperchio ed alzando la fiamma, con lo zucchero, estratto di vaniglia e magari un po' di rum scuro. Io uso l'estratto di vaniglia che faccio in casa, aggiungendo i baccelli al rum e lasciandoli in infusione minimo un mese.

b2ap3_thumbnail_5_20140901-095041_1.jpg

Faccio "soffriggere" a fuoco vivo fino a quando lo sciroppo non si è ristretto e invaso la composta ancora bollente. Se non la consumate subito, consiglio di pastorizzare i vasetti, prima di metterli in dispensa. Lo sciroppo sarà scuro, mentre le more avranno perso colore e risulteranno rossicce.

b2ap3_thumbnail_9_20140901-095050_1.jpg

Buon appetito!

Isy

E per altre notizie e curiosità sulla natura, seguimi su facebook!

b2ap3_thumbnail_10_20140901-095104_1.jpg

Vota:
Bebè in arrivo?...la convivenza con cani e gatti è...
Panzanella a confronto: La Versione Originale e qu...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Sabato, 21 Ottobre 2017