Sono Isy, e in questo blog è concentrata la mia passione per la natura, in tutte le sue forme. Sono laureata in Scienze Naturali e specializzata in botanica ed etnobotanica. Amo scavare nei ricordi e nelle tradizioni, imparare della culture lontane e passare il tempo all'aria aperta. Fotografo e raccolgo erbe spontanee o che coltivo io stessa, che poi trasformo in cibi, cosmetici, medicamenti...

Salute in Tour : 67 seminari ad ingresso gratuito in 22 città sulla prevenzione e l'educazione alla salute

Grazie all'Istituto di Medicina Naturale Orizzonti, a partire da Settembre 2016, avrete la possibilità di partecipare gratuitamente a seminari informativi e formativi in tutta Italia, tenuti dagli esperti del del benessere naturale. Quest'anno ci sarò anche io, con l'associazione Percorsi Corpo Mente Spirito,a parlare di erboristeria casalinga, miele e riscoperta delle antiche tradizioni di guarigione naturale.

Sempre più sta maturando la consapevolezza che la Salute sia un bene primario e, come tale, debba essere difeso e tutelato. Nel 1966 il dott. A.Seppilli (già direttore del Centro per l'Educazione Sanitaria di Perugia) così ha definito la Salute: "La salute è condizione di armonico equilibrio funzionale, fisico e psichico, dell'individuo dinamicamente integrato nel suo ambiente naturale e sociale."

Continua a leggere

Andar per piante spontanee: olivello spinoso. Vitamina C per prepararci all'autunno!

 

Mentre scrivo questo articolo, sto sorseggiando un bicchiere di succo di bacche Hippophae rhamnoides (o Hippophaë fluviatilis) e melone. Le ho raccolte ieri in riva al fiume, tra le montagne.

Questo è il nome botanico dell’olivello spinoso, le cui foglie, secondo un mito, erano uno dei cibi preferiti del leggendario cavallo volante Pegaso. Da lì il nome scientifico della pianta che si può tradurre come “cavallo lucido, splendente”.

Arriva l’autunno! Possiamo fare una cura ricostituente con i doni della natura per arrivare ad affrontare i malanni di stagione ben equipaggiati. In questi ultimi giorni di estate possiamo raccogliere le bacche di rosa canina, le more, e i frutti dell’olivello e fare delle scorpacciate di vitamine che rinforzano il nostro sistema immunitario.

Continua a leggere

Piante e Animali Perduti: 24 e 25 settembre 2016 a Guastalla (RE)

Grazie ad una vecchia amica, il 24 ed il 25 Settembre prossimi parteciperò alla manifestazione Piante e Animali Perduti, che si terrà a Guastalla (RE). Sono stata invitata come blogger, per parlare della mia esperienza con le piante e sabato 24 sarò presente tutta la giornata, per incontrare i partecipanti e rispondere a domande, dubbi e curiosità sul mondo della botanica.

 

Continua a leggere

Video - La lontra giocoliera: l'importanza dello spasso

lontra

Quando vediamo un animale adulto passare il tempo a giocare, spesso siamo sorpresi e divertiti, e questi comportamenti ci spingono a confrontare il loro comportamento con quello di noi "animali umani". In questo caso è affascinante vedere una lontra (Aonyx cinerea) che passa il tempo giocolando con due ciottoli i pieno relax.

Continua a leggere

Andar per piante selvatiche: Carpobrotus, il fico degli Ottentotti

Conosciuto  come fico degli Ottentotti il genere Carpobrotus appartiene alla  famiglia botanica Aizoaceae. Questa pianta dalle foglie grasse è stata importata dal Sud Africa e piantata un po' ovunque per stabilizzare le dune sabbiose. Avendo trovato nei topi, golosi dei suoi frutti, un veicolo per diffondere i suoi semi, ed essendo rustica e di rapida crescita, è ora una pianta infestante che cresce soprattutto nelle regioni costiere.

 

Continua a leggere

La notte di San Giovanni: le erbe delle streghe, il bisogno di volare

 

Per me il Tempo viene scandito dalla Luna. E' un Tempo circolare e ciclico, che rinnova con il continuo cambiamento ogni fase della vita. Ogni Luna mi ricorda che, con gratitudine e senza paura, un nodo dopo l'altro, devo continuare a tessere la rete dei miei sogni. Oggi la Luna, il simbolo femminile per eccellenza, sarà piena nella notte del solstizio d'estate, il giorno in cui si celebra la potenza maschile del sole, il giorno più lungo. Mentre tra pochi giorni, il 24 Giugno, sarà la notte di San Giovanni, la notte delle streghe.  Stavo pensando che, in un passato lontano, prima dei roghi e della repressione, nelle campagne di molte parti del mondo, sarebbe stata una notte magica, di fuochi accesi e cerimonie legate alla fertilità, di danze sfrenate e benedizioni.

Continua a leggere

Perchè le api prediligono alcuni fiori ad altri? Il segreto del polline di tarassaco

api

L'ultimo giorno di sole l'ho passato in giardino ad osservare le api...relativamente poche rispetto alla disponibilità infinita di fiori di tarassaco nel mio prato, erano tutte concentrate sugli alberi da frutto.

Ho scoperto che, nonostante tanto si dica dell'importanza del polline del Taraxacum officinale per le api, ci sono delle motivazioni per cui questi fiori sono meno affollati di altri: a differenza di altre piante, il loro polline è una fonte di cibo mediocre. Il polline del dente di leone manca di alcuni degli aminoacidi necessari per la produzione di proteine: arginina, isoleucina, leucina, valina.

 

Continua a leggere

La melanzana (Solanum melongena): la pianta delle uova

melanzana

Presto arriveranno sulle nostre tavole le melanzane di stagione, frutti deliziosi e versatili, ormai parte della dieta Mediterranea. Non è sempre stato così:a causa del loro colore viola, le melanzane sono state a lungo ritenute velenose. Quando questa pianta arrivò dalle Indie, verso il sedicesimo secolo, inizialmente il consumo del suo frutto fu considerato portatore di insanità mentale e da qui il loro nome: melanzana = mela insana.

Continua a leggere

Sciroppo di rose fatto in casa

È il momento di raccogliere le rose in giardino e farne qualche vaso di sciroppo per poter gustare il loro profumo tutto l'anno.

Continua a leggere

Fiori di tarassaco in aceto di mele: due ricette per gustarli e depurarci

tarassaco

Aprile: dopo il caldo e le piogge è arrivato il momento di tagliare l'erba nel mio giardino... che non è altro che una distesa di piante di tarassaco (Taraxacum officinale) o dente di leone.

Oltre a mangiare le foglie giovani in insalata e ad utilizzarle cotte come si fa per la cicoria, non spreco neppure i fiori: raccolgo i boccioli da utilizzare allo stesso modo dei capperi ed i fiori sbocciati per produrre un elisir depurativo e dissetante, oltre che un aceto aromatico e che possiede le stesse proprietà depurative della pianta: i suoi principi amari  depurano  fegato e cistifellea, stimolando i reni e favorendo l'eliminazione delle tossine.

Continua a leggere