L'Alveare che dice Sì! Un progetto per sviluppare la filiera corta e ristabilire un legame tra consumatori e produttori.

Il mese scorso,  grazie a Cinzia, un'amica che sta portando avanti un "alveare" a Torino, ho scoperto l'esistenza di un progetto davvero interessante: "l'Alveare che dice Sì!" 

Questa organizzazione vuole raggiungere l'obiettivo di sviluppare la filiera corta per ritrovare il sapore dei propri territori, lottare contro i cambiamenti climatici e ristabilire un legame tra consumatori e produttori.

 

Continua a leggere

CAPIM DOURADO: oro vegetale per gioielli ecosostenibili

Mi sono imbattuta sul web, qualche tempo fa, in alcune fotografie di gioielli veramente molto belli e all'apparenza del tutto simili all'oro.
In realtà mi sono resa conto, solo dopo approfondimenti, della loro singolarità ed oggi ho deciso di parlarvene qui sul blog.

Continua a leggere

Lavaggio in lavatrice: ammorbidente o aceto, qual è la verità?

lavatrice

Quando parliamo di "cose naturali" non dobbiamo dare per scontato che vadano bene per qualunque situazione. È sempre giusto valutare come utilizzarle al meglio, per trarne i massimi benefici e per non incorrere in spiacevoli inconvenienti. È il caso del lavaggio dei capi in lavatrice e dell'uso che molte persone fanno dell'aceto, in quanto rimedio naturale alternativo all'ammorbidente.

Continua a leggere

5 semplici eco-gesti quotidiani per salvare il Pianeta

eco





Vivere nel rispetto della Terra sembra a volte estremamente complicato visto che viviamo in una società che sembra fare di tutto pur di inquinare. A volte l’impressione è di dover fare grandi rinunce o chissà quali atti eroici, invece bastano davvero piccoli gesti quotidiani per fare la differenza a livello di impronta ecologica.  Ecco qui 5 strategie che si possono mettere in atto ogni giorno e che alla lunga possono avere un impatto considerevole sul futuro del Pianeta.

Continua a leggere

Moda etica: jeans artigianali made in Italy, eco-sostenibili

jeans

Oggi il mercato del fashion crea veramente di tutto per accaparrarsi più consumatori possibili e lo fa molto spesso utilizzando, come unico criterio, quello del minor costo possibile. Prendiamo ad esempio il jeans, il capo forse più presente nei nostri armadi, perché unisce gusto estetico e praticità.

Continua a leggere

Salmone e antibiotici

salmone

Esistono 10 buoni motivi più che convincenti per non mangiare salmone, motivi da scoraggiare anche i consumatori più accaniti. Tuttavia, se proprio non volete cedere al richiamo del sushi e dell’All You Can Eat, dovete essere consapevoli che, insieme al salmone, accettate di abbuffarvi anche di antibiotici e di un’ampia serie di vere e proprie schifezze.

Continua a leggere

Uova biologiche: perché consumarle

uova

Negli ultimi anni, a seguito dei numerosi scandali alimentari, i consumatori si sono dimostrati sempre più attenti alle tematiche del benessere animale. Acquistare uova biologiche vuol dire prestare attenzione alla salute delle galline ovaiole: la loro alimentazione è basata su alimenti vegetali e/o mangimi di origine biologica, non sono curate con antibiotici, non sono sottoposte a trattamenti ormonali, sono libere di razzolare all'aperto ed avere a disposizione un’adeguata superficie.

Commenti recenti
TerraGaia
Perché pubblicare un articolo come questo? Qual'è il fine ultimo? Il fine di questo articolo (così come di questo blog) è quello ... Leggi tutto
Mercoledì, 22 Giugno 2016 10:26
Continua a leggere

Etichette ingannevoli e DNA di topo negli hamburger: sappiamo davvero cosa mangiamo?

 

Da un'analisi di laboratorio condotta su 258 campioni tra hamburger e preparati vegetali di 79 marche diverse vendute in California, è emerso qualcosa di sconvolgente: DNA di topo nella carne di manzo e burger vegetariani sulla carta, ma che in realtà contengono tracce di carne. Ancora peggiore, poi, la scoperta di DNA di topo in un hamburger surgelato.

 

Continua a leggere

Poca frutta e verdura e troppi grassi? Il rischio è di ammalarsi di cancro

Si è concluso oggi a Milano il convegno Spazio e Nutrizione, che ha visto la partecipazione di numerosi esperti provenienti da ogni parte d'Italia. Ciò che è emerso da questo incontro non è del tutto una novità, ma piuttosto qualcosa sospettato da tempo: consumare poca frutta e verdura e troppi grassi può portare ad ammalarsi di cancro. Più del 30% dei tumori - affermano gli esperti - è causato da una dieta squilibrata, che vede un consumo di vegetali davvero ridotto al minimo. 

Continua a leggere

Carne rossa di nuovo sotto accusa

Dopo l’allarme dello scorso ottobre, la carne rossa lavorata è di nuovo sotto accusa: dagli USA arriva un altro rapporto che mette in relazione il consumo di carne con l’insorgenza di tumori.

Continua a leggere