Cane veglia per 7 giorni la compagna morta investita. Il video più toccante che abbiate mai visto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche nel regno animale, la perdita di una persona amata non è facile da accettare. Ne è la prova il disperato cane randagio, della periferia di Filippovka, un villaggio nel Territorio di Perm, in Russia, che ha vegliato per una settimana il cadavere della sua compagna, investita dalla folle corsa di un auto. Il tutto è stato immortalato un video che lacera letteralmente un cuore.

I testimoni oculari hanno raccontato che il cane ha trascinato la sua compagna portandola lontano dalla strada e ha cercato di farla risvegliare riscaldandola con il proprio corpo. Molti passanti, incuriositi dai lamenti strazianti, vedendo la toccante scena sarebbero scoppiati a piangere commossi. Del resto, rimanere impassibili davanti a questa prova di amore e lealtà sarebbe stato difficile, se non impossibile. “E’ davvero molto triste. Il cane non permette a nessuno di avvicinarsi alla sua amata e continua ad insistere a smuoverla con la speranza di riportarla in vita”, ha detto un cittadino locale.

Gli abitanti del villaggio, infatti, hanno cercato invano di allontanarlo, ma il cane in lutto non ha ceduto nemmeno alla tentazione di mangiare del buon cibo. “Li abbiamo chiamati Romeo e Giulietta”, dicono gli abitanti di Filippovka, sbalorditi da una così grande prova di amore e devozione difficile spesso da trovare tra gli esseri umani. Il video ha commosso gli utenti di tutto il mondo ed è diventato inevitabilmente virale. Ora, quando Romeo accetterà la morte della sua metà, ci saranno moltissime famiglie pronte ad accoglierlo.

Casi analoghi sono stati segnalati anche in Italia. Come quello avvenuto nel 2010, quando un altro cane era rimasto a vegliare per ore al fianco della propria compagna morta, sempre investita da un’auto in corsa. Anche in quel caso il cane non voleva assolutamente muoversi, ringhiando e abbaiando a chiunque cercasse di avvicinarsi, anche agli operatori delle guardie zoofile che dovevano rimuovere il corpo della cagnetta dalla strada.

Per tutti coloro che dicono: “È solo un cane…”:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook