Superare l’ansia curando l’intestino: 7 rimedi + 3 segreti!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fino a poco tempo fa si pensava che l’intestino controllasse quasi esclusivamente le funzioni ben note come l’assorbimento dei nutrienti e la digestione. Recentemente alcuni studi hanno scoperto che l’intestino ha un ruolo fondamentale nella regolazione delle emozioni, dell’umore e di molti processi ritenuti prerogative della mente. Il cosiddetto “secondo cervello” è coinvolto anche in un’altra manifestazione che si pensava dipendesse soltanto da questioni psichiche: l’ansia.

Se la maggior parte delle terapie e dei rimedi contro l’ansia si sono finora concentrati sul funzionamento del cervello a livello neurologico e sulla vita mentale, questo inaspettato ruolo attribuito all’intestino apre la strada a nuove considerazioni e soprattutto a nuove possibilità di terapia per combattere e vincere l’ansia.

In questo articolo scoprirai:

  1. Il vero ruolo dell’intestino nelle emozioni e nell’umore
  2. Le implicazioni delle ultime scoperte sul benessere e sull’ansia
  3. I 7 modi di curare l’ansia con la salute dell’intestino + 3 rimedi speciali!

Il vero ruolo dell’intestino nelle emozioni e nell’umore

L’intestino è un organo estremamente complesso e affascinante: è lungo complessivamente quasi 7 metri ed è costituito da un tubo (digerente) arrotolato su sé stesso; anche nella forma ricorda il suo organo fratello, il cervello.

Quali caratteristiche lo rendono degno di essere chiamato “secondo cervello”?

  • L’intestino produce il 95% della serotonina, “l’ormone della felicità”
  • Fissa i ricordi legati alle emozioni
  • Ha un ruolo fondamentale nel segnalare gioia e dolore
  • Il 90% della comunicazione tra i due cervelli va dall’intestino in direzione dell’encefalo
  • Produce e regola gli ormoni che influiscono sulla vita mentale e sul comportamento
  • L’intestino è il primo organo in assoluto a reagire agli stimoli esterni come il dolore o la paura
  • La flora batterica mantiene i collegamenti con il cervello e costituisce il nostro sistema immunitario
  • Anche se scollegato dal cervello l’intestino è in grado di comunicare i benefici dei cibi ingeriti sotto forma di emozioni

L’intestino è in grado di fare tutte queste cose? Le ricerche lo confermano: la presenza di alimenti grassi nell’intestino è sufficiente a scatenare reazioni positive sull’umore e avere un effetto sedativo. Sappiamo bene quanto il cioccolato possa tirarci su: è tutto merito dell’intestino!

Il ruolo dei batteri presenti nell’intestino è fondamentale: in situazioni di stress, la flora batterica ne risente e si abbassano le difese immunitarie, mentre in piena salute sono in grado di influenzare la reattività dell’intestino, il quale a sua volta regola l’umore.

Il buonumore quindi sarebbe ampiamente influenzato dalla salute dell’intestino, prima di tutto grazie alla produzione di serotonina. Questo neurotrasmettitore, che coordina l’attività digestiva e la motilità intestinale e comunica il senso di nausea e sazietà, regola il sonno, l’appetito, la sessualità e più di tutto l’umore. Una carenza di serotonina è legata a disturbi come ansia e depressione.

Le implicazioni delle ultime scoperte sul benessere e sull’ansia

Il legame tra intestino e ansia è fortissimo. Dopo tutto chi non ha mai provato qualche sintomo intestinale in momenti di forte preoccupazione? Stitichezza, diarrea, dolori, sono tutte esperienze comuni per chi soffre d’ansia.

Ma non finisce qui: l’ansia prima che nei pensieri, nasce nell’intestino, che viene considerato un po’ come l’antenato evolutivo del nostro inconscio. Il meccanismo che genera l’ansia è una sorta di circolo vizioso:

  • Una carenza di serotonina provoca uno stato di infiammazione intestinale
  • Se l’infiammazione diventa cronica, vengono prodotti enzimi che scompongono la serotonina
  • Una prolungata carenza di serotonina a livello cerebrale scatena un forte segnale d’allarme
  • Questo segnale d’allarme si lega a pensieri e preoccupazioni, trasformandosi in ansia

Quel segnale d’allarme può apparire immotivato, ed è così che spesso è stato dipinto, legandolo esclusivamente ad aspetti mentali. Ma la realtà è che la carenza di serotonina, alla base di ansia e depressione, dipende da una scorretta alimentazione e da stili di vita lontani da quelli per cui siamo stati progettati dalla natura. Il segnale d’allarme che il nostro corpo ci invia è reale e bisogna ascoltarlo. Non sono i nostri pensieri ossessivi il messaggio che l’ansia ci comunica, ma uno squilibrio di natura fisica, biologica.

Ciò che sostengono molti studiosi, ora sempre più numerosi, è che il benessere mentale è strettamente legato alla salute dell’intestino e quindi che l’alimentazione e le abitudini quotidiane possano costituire una vera e propria terapia. L’intestino così può immunizzarci dall’ansia tanto quanto da malattie virali e batteri nocivi.

La salute dell'intestino è indispensabile per il benessere della mente

I 10 modi di curare l’ansia con la salute dell’intestino

Come fare allora per controllare l’ansia curando l’intestino? Come promesso ecco 7 regole importantissime per indebolire l’ansia poterla vincere:

  1. Evita il glutine, che può provocare stati di infiammazione nell’intestino e peggiorare l’assorbimento dei nutrienti. Sai che l’ansia è uno dei sintomi dell’intolleranza al glutine?
  2. Consuma alimenti fermentati come il kimchi, il kefir, lo yogurt e il tempeh, ricchi di batteri probiotici che ripristinano la flora batterica intestinale.
  3. Consuma cibi ricchi di fibre. Questi, come i legumi, i legumi e la frutta secca, contengono i prebiotici, che sono il nutrimento dei batteri probiotici, i batteri buoni.
  4. Evita il consumo di zuccheri raffinati e di alimenti e bevande zuccherati. Lo zucchero è il cibo preferito di molti batteri, come la candida e sono in grado di far proliferare infiammazioni e infezioni a partire dal tratto intestinale.
  5. Bevi molta acqua: una corretta idratazione favorisce la digestione e il funzionamento dell’intero organismo, oltre allo smaltimento di tossine e sostanze di scarto.
  6. Consuma alimenti ricchi di triptofano, il precursore della serotonina, ovvero la sostanza che ne stimola la produzione. Per tua fortuna sono anche buoni; che dico: deliziosi! I più ricchi sono il cioccolato fondente, le mandorle e le noci, il tahini (la pasta di sesamo), le uova, i latticini, ma ce n’è molto anche negli spinaci, nelle banane e nell’alga spirulina.
  7. Fai yoga e meditazione: il perfezionamento delle posizioni e dei movimenti dello yoga aiuta il rilassamento muscolare ed effettua un vero e proprio massaggio all’intestino. La meditazione secondo ricerche recenti sembra avere un effetto uguale a quello degli ansiolitici!

Segui anche questi 3 consigli speciali!

  1. Mastica bene quando mangi. Il 90% della digestione avviene in bocca, triturando il cibo che poi nello stomaco può sciogliersi solo con i succhi gastrici. Per fare in modo che i nutrimenti contenuti nel cibo che ingerisci vengano assorbiti dall’intestino e apportino i loro benefici, bisogna masticare a lungo, fino a ridurre il cibo in poltiglia. Quando il cibo è duro da masticare, come nel caso della frutta secca a guscio e dei semi, preferisci le creme e le paste o tritali tu stessa!
  2. Respira bene. La respirazione è alla base della nostra esistenza e la respirazione corretta è un requisito necessario per la salute. La respirazione deve coinvolgere soltanto il naso, la pancia e il diaframma, il muscolo che sorregge i polmoni e che muovendosi massaggia l’intestino. Respirare bene significa ossigenare i tessuti e impedire le infiammazioni!Scopri il metodo Buteyko per una corretta respirazione!
  3. Cammina a piedi nudi. Come? Ti sembra una follia? Il contatto diretto con la massa terrestre riequilibra il nostro potenziale elettrico e dissolve le cariche elettrostatiche che accumuliamo grazie all’isolamento delle nostre scarpe e delle nostre case. La messa a terra del corpo secondo alcune ricerche riduce le infiammazioni, perciò aiuta l’intestino a mantenersi in salute!

Prova a seguire questi consigli per un paio di settimane e facci sapere i risultati! 🙂

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook