Medita Ora: la meditazione mindfulness diventa un’app

immagine

La meditazione è una pratica che associamo sempre a una grande disponibilità di tempo. Chi tra lavoro e famiglia non ne ha, si convince di non averne abbastanza a disposizione. Ecco allora che le nuove tecnologie possono darci una mano: Medita Ora è un’app che permette di meditare ovunque e in poco tempo.

Cos’è la meditazione mindfulness?

La meditazione è una pratica di origine religiosa e spirituale che mira al raggiungimento di uno stato superiore di consapevolezza attraverso una maggior concentrazione sul momento presente. La meditazione è una pratica di crescita personale, una crescita interiore che si raggiunge attraverso la padronanza dell’attività mentale.

Esistono diversi tipi di meditazione e sebbene nell’immaginario comune questa venga vista come una pratica religiosa orientale, non si tratta di una prerogativa del Buddhismo, ma di una pratica trasversale, presente anche nel Cristianesimo e nell’Islam.

La mindfulness deriva dalla meditazione Buddhista ma si tratta di un concetto sviluppato da un medico statunitense negli anni ’70. Jon Kabat-Zinn è un biologo e medico che ha fuso alcuni concetti dell’Hatha Yoga e della meditazione Zen rendendoli più fruibili per un pubblico occidentale. La mindfulness è una pratica di consapevolezza, un esercizio di concentrazione sul momento presente che secondo Kabat-Zinn è in grado di produrre dei notevoli benefici per la salute delle persone.

La scienza conferma le teorie del medico americano, mostrando come la mindfulness non sia solo in grado di ridurre lo stress in generale, ma possa influire positivamente sulla salute psicofisica delle persone in diversi ambiti, come la depressione, l’ansia, gli attacchi di panico, il disturbo borderline, i disturbi ossessivo-compulsivi, alimentari e dell’umore.

La mindfulness viene attualmente applicata da molti medici e professionisti della salute come cura complementare di patologie psicologiche, ginecologiche, oncologiche, endocrine e cardiologiche. La differenza principale tra la meditazione e la minfulness è che quest’ultima non ha uno stampo religioso, né una base spirituale, ma ha come unico scopo il raggiungimento del benessere e il miglioramento della padronanza della propria vita mentale.

Usare un’app per meditare

Medita Ora è l’app di meditazione italiana creata sulla base di Buddhify, l’app al primo posto fra le applicazioni di benessere e fitness più vendute in più di 45 paesi. Medita Ora è fresca di lancio, ma vanta già 21 meditazioni che verranno aggiornate e incrementate.

La mindfulness serve al rilassamento, serve a toglierci da quel vortice di stress nel quale sono avvolte le nostre vite. Non è un paradosso meditare con un’app? Non dovremmo praticare una digital detox, una disintossicazione da internet, dai telefonini e dalle app?

Sicuramente per star bene è necessario un ritorno alla semplicità e un collegamento più stretto e continuo con la natura, ma un’app che ci consente di meditare ovunque e senza dedicarvi troppo tempo, può rappresentare un ottimo compromesso.

Un’app per meditare è il modo migliore per coniugare il bisogno di relax e di benessere alle nuove tecnologie e sicuramente rappresenta un buon primo passo anche per chi voglia raggiungere il completo allontanamento dallo stress.

Medita Ora è facile da scaricare e da utilizzare: basta scegliere il tipo di meditazione desiderata, collegare un paio di cuffie al proprio telefono e seguire il percorso di rilassamento. Sono disponibili meditazioni mindfulness per ogni esigenza: da quella per favorire il sonno a quella da fare durante la pausa sul lavoro, da quella per il risveglio a quella per il viaggio.

L’app Medita Ora è disponibile per tutti i dispositivi mobili sugli app store online.

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

tuvali
seguici su Facebook