Renault Twin’Z Concept, l’erede elettrica della Twingo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Renault Twin’Z Concept. Breve preambolo per i meno addentro alle cose dell’industria dell’auto: costruttori e addetti ai lavori chiamano “concept car” quei prototipi che anticipano forme e tecnologia di un modello che potrebbe essere lanciato in futuro. “Potrebbe” perché a volte accade, a volte no. La scelta dipende da vari fattori: principalmente la convenienza, seguono le condizioni del mercato, le possibilità economiche e il feedback del pubblico. A Milano, in occasione della Triennale del design che si svolge nell’ambito del Salone Internazionale del Mobile, Renault ha presentato la Renault Twin’Z Concept, una concept car elettrica che ha tutta l’aria di essere la prossima Twingo.

La Twin’Z è una city car elettrica di piccole dimensioni (è lunga 3 metri e 62) e grazie ad un motore elettrico da 50 kW (68 cv) alimentato da batterie agli ioni di litio può percorrere 130 km senza emettere una sola particella inquinante, escludendo naturalmente l’eventuale impatto ambientale che comporta la sua costruzione e la produzione di energia elettrica che serve ad alimentarla.

Non è un mistero che le Case automobilistiche in questi ultimi anni si siano impegnate tantissimo con il “green washing“, tanto che non ce n’è neanche una che non abbia realizzato un prototipo elettrico, a idrogeno o ibrido ma solo per non essere da meno rispetto ai concorrenti, salvo poi continuare a concentrarsi sulle motorizzazioni tradizionali. Renault no: tra lo scetticismo generale al Salone di Francoforte del 2009 annunciò che in tempi brevi sarebbe nata la famiglia Renault Z.E., un’intera gamma di auto elettriche che oggi, nel 2013, è realtà: sono ben quattro i modelli – Fluence, Kangoo, Twizy e la più recente Zoe – che si possono acquistare nelle concessionarie come un’auto normale, anche se il prezzo onestamente è ancora piuttosto alto. La Twin’Z, o Twingo elettrica, per il momento chiamiamola così, potrebbe essere la quinta conferma che la Casa francese mantiene le promesse.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook