Nissan Leaf, lo “strano” caso della Norvegia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il paesaggio è parecchio diverso, ma California e Norvegia hanno una cosa in comune: la passione per le auto elettriche. Succede così che un’auto elettrica come la Nissan Leaf diventi la seconda vettura più venduta nel paese scandinavo, conquistando la piazza d’onore davanti ad un nutrito gruppo di auto con il tradizionale motore termico e poco dietro la Volkswagen Golf, che è da decenni ormai il modello più venduto nel Vecchio Continente. L’elettrica giapponese ha raggiunto nelle statistiche delle immatricolazioni norvegesi relative al mese di aprile il 3,3% di quota di mercato con 455 vetture targate, la metà delle 903 Volkswagen Golf vendute nello stesso periodo (6,5%), ma più della terza classificata Toyota Auris (431 vetture, 3,1% di quota) e di tutte le altre della top 10 norvegese che potete leggere nella tabella in fondo a questo post.

Com’è possibile questo boom improvviso della Leaf? Certamente ha pesato lo sconto di 3.000 euro sul prezzo di listino deciso da Nissan Europa all’inizio dell’anno, ma è pure vero che la Norvegia è da anni il faro per tutta l’Europa in tema di mobilità sostenibile. La ricetta del paese dei fiordi è fatta di incentivi all’acquisto come i “soliti” sconti sul prezzo di listino, ma anche di IVA a zero sui veicoli elettrici, parcheggi riservati alle sole “emissioni zero” e numerose colonnine di ricarica: a Oslo ne vengono installate 200 all’anno. E poi c’è l’intelligente trovata di permettere alle auto elettriche di percorrere le corsie preferenziali di taxi e bus.

Guidare una Leaf o un’altra elettrica in Norvegia conviene, dunque, ma è anche un fatto di mentalità. Come spiega il presidente della “Norwegian Electric Vehicle Association”, Snorre Sletvold: “Come popolo siamo fieri che il nostro paese sia il primo nel mondo quanto a vendite pro capite di auto elettriche. Abbiamo chiaramente dimostrato a tutti gli altri Paesi d’Europa e del resto del mondo che se realizzzi le infrastrutture e crei degli incentivi intelligenti la gente compra un’auto elettrica e la usa tutti i giorni. Noi abbiamo grandi riserve di petrolio, ma il nostro governo vede l’incoraggiamento a comprare auto elettriche come un investimento verso la riduzione dell’inquinamento, il miglioramento della qualità dell’aria e della salute della propria gente. Spero che le altre nazioni imparino da noi“. Lo speriamo anche noi.

nissan leaf norvegia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook