Altro che broccoli!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono parenti dei broccoletti, ma il loro colore violaceo li rende inconfondibili. A Priverno, in provincia di Latina, si preparano per tutto l’inverno e gli abitanti ne vanno fieri. Sono i chiacchietegli: questi ortaggi della famiglia delle Brassicacee – la stessa dei cavoli e dei broccoli – appartengono a una varietà locale dal sapore delicatissimo.

Il loro nome curioso deriva dall’operazione di raccolta che ricorda la scacchiatura, quel lavoro di potatura dei getti e dei germogli superflui che ogni coltivatore conosce bene. I primi chiacchietegli sono pronti prima di Natale e sono raccolti a scalare per diversi mesi, fino all’arrivo della primavera. Per degustarli, si può scegliere uno dei ristoranti della zona, dove non sarà difficile trovarli nella famosa zuppa che li abbina ad altri ortaggi locali.

L’origine di questo ortaggio è sconosciuta. I produttori della zona hanno tramandato a voce la la tradizione di padre in figlio e da sempre autoproducono il seme. Oggi sono pochissimi, una decina in tutto, e nonostante l’energia di ferro non lo dimostri, hanno in media un’età avanzata.

Il sapere legato a questa coltivazione è in pericolo: servono nuove leve tra i campi e nuovi sbocchi per garantire ai chiacchietegli un futuro.

Slow Food ha inserito questa varietà tradizionale nel catalogo dell’Arca del Gusto.

E tu? Conosci un prodotto tradizionale che sta scomparendo?

Segnalalo sull’Arca del Gusto!

Seguici anche su Twitter e Facebook

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook