Beagle di Green Hill: condanne confermate anche in Corte d’Appello!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Maltrattamenti e uccisioni “facili”, senza necessità. Anche la Corte d’Appello ha confermato le condanne di primo grado nei confronti del veterinario, del co-gestore di “Green Hill 2001” e del direttore dell’allevamento. Confermata anche la sospensione dalle attività per due anni per i condannati e la confisca dei cani.

Quei beagle, trattati come merci inanimate, erano esseri viventi capaci di provare sofferenze e dolore, con necessità etologiche che non venivano rispettate in nome degli interessi economici della multinazionale americana Marshall.

Green Hill resterà quindi chiusa e non vi è, peraltro, alcuna richiesta dell’Unione Europea per eliminare il divieto previsto dalla Legge italiana dal 2014 di allevamento di cani per la sperimentazione, nessuna procedura aperta da Bruxelles.

Giustizia è stata fatta! Due volte! I beagle salvati, che vivono felici e al sicuro con le loro famiglie (invece che essere morti su qualche tavolo di un freddo laboratorio), sentitamente ringraziano.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
eBay

I migliori accessori da avere se usi il monopattino elettrico

Speciale EarthDay

Earthday EveryDay

eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook