Animal Instinct

Giornata Mondiale dell’Acqua: 10 azioni per ridurre i consumi e salvare anche gli animali

animali acqua dolce

Oggi è la Giornata Mondiale dell'Acqua. Per questo il WWF ricorda come la pressione umana sulle risorse idriche abbia effetti devastanti sugli ecosistemi d'acqua dolce, che, pur ricoprendo appena l'1% della superficie del Pianeta, ospitano ben il 7% delle 1,8 milioni di specie oggi descritte dalla scienza, tra cui un quarto dei 60.000 vertebrati noti. Le specie che li abitano si estinguono a un livello in media 5 volte superiore rispetto a quelle terrestri.

Gli effetti dell'azione umana su questi ambienti sono devastanti: solo in Europa, negli ultimi 50-100 anni il 60% delle zone umide è andato perso perché convertito a usi più "redditizi" o perché non tutelato. Come documenta il rapporto WWF "Living Planet Report 2012" fornendo i dati sull'Indice del pianeta vivente (Living Planet Index) il declino di questo indice per quanto riguarda gli ecosistemi delle acque dolci è stato superiore a quello di tutti gli altri biomi.

L'Indice, analizzato dal WWF, comprende 2.849 popolazioni appartenenti a 737 specie di uccelli, pesci, rettili, anfibi e mammiferi presenti nelle zone umide, nei laghi e nei fiumi d'acqua dolce temperati e tropicali. Complessivamente, l'Indice delle acque dolci globale è diminuito del 37% fra il 1970 e il 2008 e quello delle acque dolci tropicali, in particolare, è diminuito in maniera più drammatica, del 70%, la percentuale maggiore fra quelle degli Indici dei diversi biomi, mentre l'Indice delle acque dolci temperate è aumentato di circa il 35%.

In Italia e in Europa le specie a rischio degli ecosistemi d'acqua dolce sono soprattutto la lontra, per quanto riguarda i mammiferi, il carpione del Garda e il carpione del Fibreno, per i pesci; la moretta tabaccata e il cavaliere d'Italia, per gli uccelli d'acqua. I boschi ripariali (salici, ontani ecc.) sono quelli più minacciati. Il WWF Italia da sempre attraverso le proprie Oasi protegge alcuni dei più importanti ecosistemi d'acqua dolce: sono 50 le Oasi WWF, su un totale di 120, che tutelano ecosistemi d'acqua dolce e le loro specie, come ad esempio le Oasi di Burano (Toscana), Orbetello (Toscana), Le Bine (Lombardia), le Saline di Trapani (Sicilia), e Valle Averto (Veneto).

Per il World Water Day, Green Cross Italia ha redatto un decalogo per ridurre il consumo di acqua. Seguiamo queste 10 semplici regole e salveremo anche gli animali.

10 AZIONI PER RIDURRE IL CONSUMO DI ACQUA:

1. Chiudi il rubinetto mentre ti insaponi;

2. per lavarti i denti usa un bicchiere;

3. installa i riduttori di flusso ai rubinetti;

4. fai una doccia (breve!) anziché il bagno;

5. ripara i rubinetti che perdono;

6. per lavare la frutta non usare l'acqua corrente: basta una bacinella;

7. fai funzionare elettrodomestici, lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico;

8. riempi un catino per lavare piatti e stoviglie;

9. se hai un giardino, d'estate irriga le piante al mattino presto o di sera;

10. lava l'automobile in una stazione self-service.

tuvali 320 a

TuVali

+ di 130 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

donnapop

Segui DonnaPOP

Il magazine femminile che trascina nell'arena i trend del momento!

La Cometa Panstarrs e l'aurora boreale danzano ins...
Tra il Tigri e l’Eufrate, c’era una volta la mezza...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Domenica, 17 Febbraio 2019
sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram