Anche i nostri cani e gatti soffrono di stress da rientro dalle vacanze?

Ormai per tutti è tempo di rientro dalle vacanze, e molti vivono questo momento come una vera e propria fonte di stress: si sta peggio rispetto a quando si è partiti. Ma chi di voi ha mai pensato che anche i nostri amici a quattro zampe potessero vivere una situazione del genere?

 

Si possono distinguere due casi, se vogliamo contrapposti, ma che alla fine possono essere entrambi fonte di ansia post-vacanza:

 

- i nostri animali sono venuti con noi in vacanza:

 

hanno avuto la possibilità di trascorrere così molto più tempo con noi proprietari, liberi da impegni e turni di lavoro che ci obbligano ad assentarci per la maggior parte dell'anno dalle 5 alle 8 ore al giorno (come minimo) da casa; maggiori quindi possono essere state le attenzioni a loro rivolte, più lunghe le passeggiate, una nostra maggiore predisposizione al gioco; se in famiglia esistono poi dei bambini, anche loro saranno stati sicuramente contenti di riuscire a dedicare un po' più tempo ai loro amici a quattro zampe. Insomma, quando si è in vacanza le abitudini cambiano, ci si rilassa, si riesce a “rallentare il tempo” o a viverlo in modo diverso, dedicandosi ai propri affetti a 360 gradi. E i nostri animali riescono ad avvertire tutto questo. Insomma, la vacanza rappresenta un vero e proprio momento di svago e relax per tutti, pelosi e non pelosi. Quando si deve tornare alla routine di tutti i giorni in primis i nostri cani e gatti riescono a percepire fin da subito lo stress di noi proprietari (in tal senso sono delle vere e proprie “spugne”), il nostro cambiamento di umore, ma soprattutto nelle abitudini di tutti i giorni; e questo per loro si traduce in maggior tempo da dover trascorrere da soli, tra le quattro mura di casa, minor voglia da parte di padroni e padroncini di giocare perchè magari troppo stanchi dopo una giornata intera piena di impegni. È vero, erano abituati a questa vita prima di partire e si abitueranno nuovamente ad essa una volta ritornati, ma non si può negare che anche per loro tutto questo può essere fonte di stress e che avranno bisogno del loro tempo per riadattarsi. E parte del “lavoro” siamo noi a doverlo compiere: è importante rieducare Fido e Micio a stare soli, ma questo deve avvenire gradualmente (il primo giorno per mezz'ora, poi un'ora...e così via); inoltre quando si esce di casa, o quando si rientra, bisogna evitare l'eccesso di moine e coccole, soprattutto se sono loro ad elemosinarle..insomma, dovete far sentire loro la vostra presenza, ma riabituandoli a quella che dovrà essere la routine. Il nostro sbaglio sarebbe quello di passare dal dare 100 (in vacanza) al dare 10 (ma anche 20-30) dopo il rientro, dall'oggi al domani; la miglior cosa per riuscire a fare tutto questo e nel miglior modo possibile sarebbe quello di terminare le vacanze qualche giorno prima di ricominciare col proprio lavoro o la frenetica routine quotidiana (questo sarebbe consigliabile anche per noi essere umani, proprio per ridurre lo stress da rientro), ma è anche vero che non esistono più (almeno non per tutti) le ferie di un mese, quindi chiunque preferisce godersele fino all'ultimo minuto. Si potrebbe allora cominciare a far vivere qualche momento di solitudine al nostro animale già durante gli ultimi giorni di vacanza, anche solo per mezz'ora, un'ora, il tempo cioè di andare a fare colazione al bar o fare la spesa. Quando abbiamo ripreso invece il lavoro, per la prima settimana una possibile soluzione potrebbe essere quella di tornare a casa durante la pausa pranzo, nel caso in cui l'ufficio/negozio non sia troppo distante. Importante inoltre lasciare a disposizione di Fido e Micio giochi con i quali poter impegnare il tempo e distrarsi. Insomma, le possibilità possono essere diverse, dovete decidere voi quale potrebbe essere la soluzione migliore in vista comunque di un unico fine: ridurre al minimo quella sensazione di abbandono che potrebbe vivere il nostro amico a quattro zampe una volta tornati dalle vacanze, perchè seppur intelligenti non possiamo pretendere che ragionino come noi e capiscano le nostre motivazioni. Ed è importante che questo avvenga perchè, nei casi estremi, potrebbe insorgere una vera e propria ansia da separazione, soprattutto in soggetti predisposti e che hanno già vissuto un problema comportamentale di questo tipo. Va comunque ribadito e sottolineato che il ritorno alla routine non significa comunque venir meno ai nostri obblighi e doveri nei confronti dei nostri animali: quando abbiamo deciso di adottarne uno infatti abbiamo messo in preventivo (o almeno così dovrebbe essere) anche il tempo da dovergli dedicare ogni giorno, fatto anche di attenzioni, passeggiate e gioco: per mille ragioni non potrà essere più di 24 ore come quando si era in vacanza, ma dovrà comunque persistere anche una volta ritornati alla nostra routine cittadina.

 

- i nostri animali sono rimasti in pensione:

 

Come abbiamo detto in un altro paio di articoli (In vacanza con i nostri cani e gatti?; Vacanze in arrivo: portare i nostri cani e gatti con noi? o come sistemarli?), a volte la soluzione migliore non è sempre quella di portare i nostri animali in vacanza con noi (anzi, spesso non è neanche possibile o così facile), e tra le diverse possibilità c'è quella di lasciarli in una pensione: soprattutto alla prima esperienza, ritrovandosi lontano da casa, in un ambiente sconosciuto, con persone sconosciute, in mezzo a cospecifici sconosciuti, i nostri amici a quattro zampe potrebbero vivere quella che viene definita la sindrome dell'abbandono, ed anche una volta ritornati a casa manifestano questo loro stato d'animo con distacco, facendo quasi gli offesi. Anche in questo caso bisogna lasciar loro il tempo di cui hanno bisogno: dobbiamo far sentire la nostra presenza, ma senza costringerli ad essa, con troppe carezze, troppe moine come se volessimo farci perdonare.

 

In entrambi i casi ed in modo naturale si potrebbe aiutarli mediante l'utilizzo di fiori di Bach (L'utilizzo dei fiori di Bach sugli animali)

LEGGI ANCHE:

Tutti al mare!!!!!!!!!!!!!!!!...ma senza stress...

Come organizzarsi per trascorrere le vacanze insieme al proprio cane

Lo stress in cani e gatti

 

Vota:
Gnocchi di riso cinesi con carote, zucchine e cipo...
Copenaghen low-cost: tappe e consigli utili per sp...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 21 Novembre 2017